Ultimo aggiornamento  29 novembre 2022 08:55

Germania, cambiano gli incentivi.

Redazione ·

Il nuovo governo tedesco appena insediatosi – nato dalla “coalizione semaforo” tra verdi, social democratici e liberali sotto la guida di Olaf Sholz - ha confermato gli attuali incentivi destinati alle auto meno inquinanti: fino a 9mila euro per le full electric e un massimo di 6.500 per le ibride.

L'esecutivo ha anche annunciato novità dal 2023. A quel punto, a beneficiare degli aiuti saranno soltanto "i veicoli elettrici che hanno un effetto positivo dimostrabile sulla protezione del clima". Tradotto significa che servirà garantire un effettivo contraccolpo positivo sull’ambiente e il primo parametro a cui si guarderà sarà l’autonomia garantita dalle batterie.

Continuità ma con giudizio

Robert Habeck, il nuovo ministro tedesco dell'economia e del clima, ha detto che il governo ha scelto di garantire la "continuità" mentre lavora sul nuovo sistema di incentivazione. "Diventeremo più ambiziosi con il sostegno in futuro, al fine di promuovere ulteriormente l'elettromobilità e rafforzare la protezione del clima", ha detto il 52enne politico originario di Lubecca, uno dei co-leader del partito ambientalista dei Verdi e vice-cancelliere.

Il nuovo governo vuole avere almeno 15 milioni di auto completamente elettriche sulle strade entro il 2030. Ma, contemporaneamente, mira anche a intensificare gli sforzi contro il cambiamento climatico, espandendo l'uso delle energie rinnovabili e anticipando l'uscita della Germania dal carbone - ora prevista per il 2038 - "idealmente" al 2030.

Tag

Berlino  · Ecoincentivi  · Germania  · Olaf Scholz  · 

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Borgognone

Il programma del prossimo esecutivo che sta nascendo dalla “coalizione semaforo” tra Spd, Verdi e liberali accolto con favore dai vertici di Bmw e Daimler