Ultimo aggiornamento  04 febbraio 2023 00:34

Aston Martin, cosa bolle in pentola.

Paolo Odinzov ·

Farsi in casa i motori per la Formula 1: è solo uno dei tanti progetti che il presidente esecutivo di Aston Martin Lawrence Stroll sembrerebbe avere in testa per far crescere il business della azienda inglese. Il condizionale è d’obbligo in quanto al momento non vi sono conferme ufficiali ma a quanto pare il manager canadese, fondatore dal 2019 della scuderia britannica Aston Martin F1 Team e maggior azionista del marchio, sarebbe intenzionato a seguire le orme della Red Bull che a fine stagione si occuperà direttamente dei propulsori destinati alle sue monoposto, subentrando a Honda vista la decisione di quest’ultima di lasciare il Circus.

Alleanze necessarie

Per l’impresa Stroll potrà contare sulle competenze della nuova fabbrica di Silverstone comprensiva di galleria del vento e un simulatore all’avanguardia. Nonostante questo sembra però improbabile che Aston Martin possa fare tutto da sola ed è quasi scontato che dovrà trovare un partner. Questo tenendo anche conto dell’alleanza tecnologica con Mercedes, in essere dal 2013 e rinnovata lo scorso anno, per la fornitura da parte del costruttore tedesco di componenti destinati a supportare la strategia di elettrificazione per le auto stradali del marchio in cambio di partecipazioni azionarie.

Il ritorno della V12 Vantage

Entro il 2030 più del 50% delle vendite di Aston Martin sarà infatti composto da modelli a batteria e zero emissioni, molti dei quali sviluppati proprio sulla piattaforma EVA di Mercedes. Nel frattempo il marchio ha annunciato nei giorni scorsi che il prossimo anno lancerà tra le diverse novità in arrivo una edizione finale della V12 Vantage. Sarà l’ultima dell’attuale generazione destinata a essere sostituita nel 2025 con un modello elettrico completamente nuovo. Sulla vettura verrà impiegato probabilmente lo stesso 5.2 litri biturbo da 700 cavalli utilizzato nel 2020 sulla V12 Speedster, capace di farle raggiungere una velocità massima di circa 300 chilometri orari.

Tag

Aston Martin  · 

Ti potrebbe interessare

· di Edoardo Nastri

Secondo il magazine inglese Autocar, la posizione del ceo vacillerebbe a causa del mancato raggiungimento degli obiettivi di utile per 18 milioni di euro

· di Paolo Odinzov

Un teaser mostra frontalmente la vettura che potrebbe essere l'ultimo modello stradale del marchio ad impiegare un motore dodici cilindri a benzina privo di elettrificazione

· di Massimo Tiberi

A metà anni '70 il marchio inglese propone una "supercar" in tutti i sensi, dalle dimensioni (5,30 metri) al motore V8 da 340 cavalli. Ne verranno prodotte 645