Ultimo aggiornamento  02 dicembre 2022 23:55

Green NCAP, valutazioni buone per 5.

Redazione ·

Il consorzio internazionale Green NCAP – che valuta le vetture dal punto di vista delle emissioni, basandosi sulle prestazioni combinate in aria pulita, emissioni di gas serra ed efficienza energetica, di cui fa parte l'Automobile Club d'Italia – chiude il 2021 con i test su cinque modelli, due elettrici, altrettanti ibridi e uno diesel.

Le vetture a batteria Lexus UX 300e e Nissan Leaf e+ ottengono entrambe un punteggio massimo di cinque stelle; 3,5  ne ricevono invece le plug in Renault Captur E-Tech e Volkswagen Golf 8 GTE. Tre, infine, le stelle per l'Audi A3 Sportback 35 TDI.

Sia la Nissan che la Lexus ottengono risultati lusinghieri, con una minima criticità esclusivamente per quanto riguarda efficienza energetica con particolare riferimento – limitatamente alla UX 300 – a dei parametri non ottimali nel riscaldamento dell’abitacolo nel “test del freddo”, condotto a -7 gradi centigradi.

Gli altri risultati

Le due ibride plug in testate danno il meglio quando la batteria è regolarmente caricata, ma sia la Captur che la Golf 8 hanno mostrato anche efficienti post-trattamenti allo scarico che mantengono basse le emissioni quando le vetture funzionano a benzina.

Infine, l'Audi A3 Sportback 35 TDI con motore diesel ottiene un punteggio molto buono per l'aria pulita e l'efficienza energetica, mentre rimane indietro sulla riduzione dei gas serra. Tuttavia, un punteggio complessivo di tre stelle Green NCAP rappresenta una prestazione solida per un'auto tradizionale a gasolio.

Novità 2022

Dal 2022 Green NCAP baserà la propria valutazione delle emissioni di gas serra su un'analisi well-to-wheel, includendo anche l'impatto ambientale nella produzione della fonte di energia. Questo consentirà di offrire ai consumatori una migliore indicazione sulla effettiva “impronta” dei veicoli, in particolare quelli elettrici.

Alex Damyanov, direttore tecnico per Green NCAP spiega: "Guardare solo alle emissioni di scarico ovviamente “lusinga” tutti i mezzi a batteria ma così non si monitora l'energia consumata per produrre l'elettricità che usano. Stiamo lavorando per perfezionare il nostro schema di valutazione. Dall'anno prossimo abbiamo in programma di fornire ai consumatori anche un'analisi del ciclo di vita che permetterà loro di rendersi conto da soli di quale auto offra il sistema di trasporto più pulito, a seconda dell'uso che ne fanno, la provenienza dell'elettricità utilizzata, dove il veicolo viene prodotto e come viene infine recuperato a fine esistenza".

"Questi test - commenta il presidente ACI Angelo Sticchi Damiani - dimostrano che in termini di efficenza energetica anche i motori tradizionali si comportano bene. Bisogna però andare avanti e investire in tecnologia per migliorare ulteriorimente quanto già raggiunto in tema di emissioni". 

Tag

ACI  · Angelo Sticchi Damiani  · emissioni  · Green NCAP  · 

Ti potrebbe interessare