Ultimo aggiornamento  28 novembre 2021 19:26

L'Aquila, contributi per le auto a batteria.

Marina Fanara ·

"Siamo molto soddisfatti della scelta fatta nel 2017 quando abbiamo approvato il documento globale sulla mobilità elettrica, sia nel trasporto pubblico che privato, grazie anche al contributo di 8 milioni di euro che ci ha concesso il governo proprio per incentivare la decarbonizzazione dei trasporti". Così Carla Mannetti, assessore alla Mobilità del Comune dell'Aquila, ci spiega la decisione di aprire un nuovo bando sugli incentivi all'acquisto di auto a batteria. 

Contributi per tutti

Le nuove risorse messe a disposizione dall'Amministrazione ammontano a 380mila euro di cui 152mila per le imprese, 121mila per le partite Iva, 30mila per i tassisti e 76mila per i privati residenti nel capoluogo che possono ottenere fino a 4mila euro di contributo (che diventano 8mila per i professionisti), con o senza rottamazione, cumulabili con gli incentivi nazionali attualmente in vigore.

C'è tempo fino al 31 gennaio 2022 per presentare domanda ma il Comune specifica che le richieste già inoltrate che rispondono ai requisiti e hanno tutti i documenti in regola saranno evase al massimo entro la prima settimana del prossimo dicembre.

"Nuove forme di mobilità"

"Ribadisco che la scelta fatta a inizio legislatura, nel 2017, si sta rilevando decisamente vincente", sottolinea l'assessore, "non è stato facile convincere i cittadini a passare a nuove forme di mobilità che prevedono anche veicoli alternativi all'auto come le e-bike anche perché il nostro è un territorio impervio pieno di salite, ma la mentalità sta decisamente cambiando, lo confermano i numeri".

Finora, esclusi i contributi destinati al trasporto pubblico locale per l'acquisto di bus elettrici (oggi sono 10 quelli in circolazione) e per le e-bike, sono state liquidate 157 domande di contributo per l'acquisto di altrettante vetture elettriche da parte di privati cittadini. "Sono numeri importanti", per l'assessore Minnetti, anche perché dimostrano "il successo di un progetto avviato a l'Aquila già da qualche anno che è pienamente in linea con gli obiettivi europei di decarbonizzazione fissati dal Pnrr (il Piano di rilancio e resilienza, ndr) e dimostrano che l'Aquila ha sposato una strategia vincente per rendere la nostra città all'avanguardia nella sostenibilità".

"Che tra i cittadini si stia diffondendo una nuova sensibilità lo dimostra anche il successo ottenuto grazie agli incentivi per l'acquisto di biciclette a batteria: gli aquilani erano restii ad adottare forme di spostamento cosiddette "muscolari", difficili sulle nostre strade, ma grazie ai benefit (500 euro ognuno da sommare, anche in questo caso, ai bonus del governo per le due ruote e la micromobilià  a zero emissioni), finora sono state finanziate ben 1.400 nuove bici ed è un numero destinato a crescere".

Nel frattempo, l'amministrazione ha avviato anche una serie di interventi infrastrutturali indispensabili a questo tipo di mobilità, soprattutto per garantire la sicurezza dei ciclisti: si tratta, per esempio della rete di mobilità realizzata per l'emergenza Covid-19, ovvero una grande ciclabile temporanea sulla viabilità ordinaria che collega i principali poli della città e che a detta dell'assessore "ha molto favorito l'utilizzo della bici da parte dei cittadini che si sentono più preservati nel traffico".

Quanto alle infrastrutture di ricarica, finora sul territorio sono attive 24 colonnine elettriche (ognuna dotata di due punti di ricarica). Ulteriori 24 stazioni (sempre con due prese ciascuna) saranno installate nei prossimi mesi. Sette sono state autorizzate e a breve partiranno i lavori, mentre le restanti 17 sono in via di installazione da parte di Be Charge che si è aggiudicata la gestione con apposita convenzione del Comune.

Ti potrebbe interessare

· di Marina Fanara

Il Comune vara altri 3 milioni di incentivi per l'acquisto di veicoli a basso impatto ambientale disponibili per tutto il 2021, riservati ai residenti e cumulabili con i contributi...