Ultimo aggiornamento  27 gennaio 2023 09:28

Bosch, stop al fumo in auto.

Redazione ·

Abbiamo imparato in questi lunghi mesi di pandemia che la qualità dell'aria, specialmente in un ambiente condiviso, fa tutta la differenza del mondo. Discorso che vale, forse a maggior ragione, per le auto che si prendono in affitto breve tramite il car sharing.

Per andare, oltre l'emergenza, in questa direzione, la multinazionale tedesca Bosch ha presentato Ridecare, un innovativo servizio che permette di rilevare eventuali danni causati dal fumo della sigaretta o comunque il persistere di aria viziata all'interno di un veicolo. I dati in proposito vengono raccolti e quindi valutati utilizzando l'intelligenza artificiale.

Buone maniere e salute

Chi noleggia un'auto si aspetta che sia sicura e non odori di fumo e la tecnologica applicata da Bosch dovrebbe andare nella direzione dei desideri del cliente, con lo scopo di assicurare un viaggio più sicuro e gradevole. Il sistema funziona attraverso una "scatola" di sensori in grado di combinare l'analisi dei dati basata su un cloud, utilizzando piattaforme di intelligenza artificiale. Un passaggio all'apparenza complicato ma che permette ai fornitori del servizio di sharing di sapere in tempo reale se il veicolo sia stato danneggiato, (per esempio i sedili bruciati con una sigaretta), o se ci siano tracce di fumo persistenti nell'abitacolo. Gli interventi di riparazione o di pulizia possono così essere svolti più rapidamente, ottimizzando la gestione della flotta e garantendo il miglior servizio al pubblico.

"Nel car sharing, uno dei fattori chiave per la soddisfazione degli utenti è che non ci siano spiacevoli sorprese e che l'utilizzo si possa svolgere nella massima serenità.  Attraverso soluzioni come Ridecare, la nostra azienda sta introducendo un nuovo standard per offrire ai suoi clienti un'esperienza migliore, all'altezza delle loro aspettative", ha dichiarato Harald Kroeger membro del board di Bosch.

La nascita di questo servizio, sottolineano dalla multinazionale tedesca, si inserisce in un articolato programma di innovazioni - destinate soprattutto al redditizio mercato europeo, dove il car sharing sta riconquistando posizioni dopo il durissimo periodo della pandemia - volte tutte a sperimentare, con la collaborazione di aziende e start up di ogni angolo del mondo, nuove forme di "customer satisfaction".  

Tag

Bosch  · Car Sharing  · Fumo  · Intelligenza artificiale  · 

Ti potrebbe interessare

· di Luca Gaietta

L'azienda ha annunciato che nel 2022 investirà oltre 400 milioni di euro nelle proprie fabbriche per rispondere alla crescente domanda di semiconduttori