Ultimo aggiornamento  05 dicembre 2021 09:54

La corsa di Lamborghini.

Paolo Odinzov ·

Lamborghini ha stabilito l’ennesimo primato nelle vendite consegnando nei primi nove mesi di quest’anno 6.902 vetture equivalenti a aumento del 23% rispetto allo stesso periodo del 2020 che ha rappresentato a sua volta un incremento di quasi il 6% sul risultato dei primi tre trimestri del 2019.

Il suv Urus è il modello più venduto

Riguardo ai modelli, il suv Urus resta la vettura più venduta del marchio con 4.085 unità (+25%), seguita dalla Huracán con 2.136 unità (+28%), mentre le vendite della Aventador restano stabili a 681 unità.

Guardando invece ai mercati il costruttore ha contato negli Usa 2.407 immatricolazioni per un aumento del 25%, nelle regioni EMEA (Europa-Middle East-Africa) ha registrato un incremento del 17% con 2.622 vetture e in Asia ha venduto 1.873 unità per una crescita del 28%.

"Una gamma completa e molto attraente"

“Il brand Lamborghini si trova in una posizione estremamente solida con una gamma di modelli completa e molto attraente. A metà anno sono iniziate le consegne della Huracán STO, ispirata al mondo del motorsport, mentre i due modelli V12 in edizione limitata presentati quest’estate, la Aventador Ultimae e la Countach LPI 800-4, sono già stati tutti venduti. L'azienda non è solo riuscita a superare le sfide degli ultimi 18 mesi, ma ha mantenuto costante il suo volume di crescita confermando il fascino continuo del marchio a livello mondiale e l’efficacia della nostra strategia di business supportata dalla rete dei nostri concessionari”, ha detto il ceo Stephan Winkelmann.

Lo stesso manager ha poi ribadito gli obiettivi del nuovo piano aziendale che prevede entro il 2024 “l’ibridizzazione” della l’intera gamma e successivamente l’arrivo di un quarto modello completamente elettrico nella seconda metà del decennio.

Tag

Automotive  · Business  · Lamborghini  · 

Ti potrebbe interessare

· di Valerio Antonini

La LP 400 S protagonista del film “The Cannonball Run” è in mostra al National Mall di Washington. Sarà custodita (in formato digitale) presso la Biblioteca del Congresso