Ultimo aggiornamento  27 novembre 2021 10:31

Anche Bill Gates nel business delle batterie.

Paolo Borgognone ·

Nel settore della mobilità elettrica, il fatto che una start up riceva dei finanziamenti - precisamente 25 milioni di dollari - per continuare nelle sperimentazioni non fa quasi più notizia. Le cose cambiano se la giovane azienda in questione è guidata da un ex manager del “project Titan” di Apple e se i fondi arrivano dal principale rivale del colosso di Cupertino, cioè Microsoft, e più precisamente da Bill Gates in persona.

La società che ha ricevuto i fondi, Our Next Energy o “One”, è stata fondata poco più di un anno fa a Novi (Michigan) da Mujeeb Ijaz, che in passato ha lavorato per Ford ma che soprattutto è stato fin dal 2014 uno dei cervelli dietro lo sviluppo del “Project Titan”, l’auto di Apple. A partecipare all’investimento un pool di società guidate dalla Breakthrough Energy Ventures di Bill Gates, e a cui partecipano il boss di Amazon Jeff Bezos e il miliardario Michael R. Bloomberg.

Presto una fabbrica

One - che sta progettando di aprire in Michigan una fabbrica dedicata che potrebbe iniziare a lavorare entro la fine del 2022 - è specializzata nello sviluppo di un tipo di accumulatore per le auto elettriche al litio-ferro-fosfato, che in teoria è meno potente delle classiche batterie al litio ma garantisce più stabilità nell'erogazione dell’energia, e soprattutto è meno incline a prendere fuoco. Il segreto starebbe in un sistema che “spreme” al meglio queste batterie, eguagliando le prestazioni di quelle oggi più diffuse.

Our Next Energy sta usando un approccio ingegneristico più semplice ed economico degli altri, chiamato "cell-to-pack", che elimina la necessità di inserire le celle delle batterie all’interno di moduli per ridurre il rischio di incendio e ottimizzarne la potenza erogata. La riduzione degli spazi utiizzati, a favore di più celle, garantisce secondo la start up una maggiore potenza, e quindi un'autonomia superiore alla vettura.

L'analisi di "One" ha mostrato che i suoi pacchi sono composti dal 76% di celle e producono 287 wattora per litro (Wh/L) di densità energetica. In confronto, il test ha mostrato che il pacco di una Tesla Model 3 che usa la normale chimica al litio-ferro-fosfato è composto dal 49% di celle e produce 173 wattora per litro.

Tag

Apple Car  · bill gates  · Mujeeb Ijaz  · Our Next Energy  · 

Ti potrebbe interessare

· di Redazione

Il colosso di Cupertino sta sperimentando una nuova tecnologia battezzata “Iron Heart” capace di gestire molteplici funzionalità all'interno del veicolo

· di Elisa Malomo

Il fondatore di Microsoft torna a parlare dei veicoli a batteria e del loro ruolo chiave nella lotta per il cambiamento climatico. E guida una Porsche Taycan a batteria, non una...