Ultimo aggiornamento  28 novembre 2022 23:00

Diess e Musk, scambio di complimenti.

Redazione ·

Rivali si ma con rispetto. E un pizzico di ammirazione reciproca. Si può riassumere così il rapporto tra Herbert Diess ed Elon Musk, consolidatosi dopo il primo incontro del 2020. Ultimo atto di questa inusuale amicizia l’invito (prontamente accettato) che il ceo di Volkswagen ha rivolto al collega di Tesla di partecipare - via video - a una conferenza dei massimi dirigenti del gruppo di Wolfsburg.

Cortesie reciproche

La riunione - organizzata per spronare i vertici aziendali tedeschi a una azione concreta per sostenere gli sforzi di elettrificazione del gruppo - si è svolta ad Alpbach, in Austria alla presenza di circa 200 manager.
Diess ha introdotto l’ospite d’onore tessendo le lodi della Casa rivale ed è stato ripagato con la stessa moneta. Musk si è detto convinto che “Volkswagen ce la farà” nel difficile passaggio della transizione all’elettrica e ha definito il gruppo rivale “un’icona e il più grande sfidante per Tesla”.

“Ci vedremo presto"

Dal canto suo Diess si è detto felice dell’alta opinione che il manager d’origine sudafricana ha del suo gruppo e ha elogiato Tesla per la sua velocità nel reagire ai problemi citando un esempio: “di fronte alla carenza di un chip hanno impiegato soltanto un paio di settimane per ripensare il software e passare a un altro componente”.

Il ceo di Volkswagen ha poi parlato della nuova fabbrica che Tesla ha inaugurato a Berlino e che dovrebbe iniziare a produrre il suv Model Y già dalla fine del mese. “Vi verremo presto a trovare” ha promesso al concorrente.

Una nuova fabbrica

Una visita alla gigafactory di Grunheide potrebbe servire a Volkswagen anche per avere qualche idea in più in vista della grande ristrutturazione dello storico impianto di Wolfsburg che dovrà costruire il nuovo prodotto di punta “Trinity” e fronteggiare le sfide della elettrificazione.

A tale proposito, Diess ha detto “Abbiamo già parecchie idee su come costruire uno stabilimento all’interno di quello vecchio”. Per il manager, “i successi che abbiamo accumulato nella nostra storia non sono una garanzia per il futuro”

Esempio Netflix

All’incontro ha partecipato anche un altro personaggio che, nelle speranze di Diess, dovrebbe aiutare i suoi manager a pensare fuori dagli schemi e trovare nuove strade per il business del costruttore. Si tratta di Erin Meyer, professore alla prestigiosa “Insead Business School” e autrice - insieme al ceo e presidente di Netflix Reed Hastings del best seller “L’unica regola è che non ci sono regole. Netflix e la cultura della reinvenzione”. Nel suo intervento Diess ha sottolineato come quella della piattaforma televisiva - oggi tra le più seguite al mondo - sia una vicenda “affascinante e ispiratrice”.

Tag

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Odinzov

Secondo Reuters verrà convocato un comitato per discutere il futuro del ceo in risposta alle tensioni tra la direzione e il consiglio di fabbrica della Casa tedesca

· di Redazione

La “GigaBier” presentata durante la festa alla fabbrica di Berlino a cui hanno partecipato 9mila persone. L’impianto avrà anche una stazione ferroviaria. Prime Model Y a dicembre

· di Paolo Borgognone

Il manager del costruttore si sente snobbato dalla Casa Bianca e parla di “amministrazione non amichevole”. “A Washington governano i sindacati”