Ultimo aggiornamento  24 ottobre 2021 04:51

I marchi cinesi alla conquista dell'Europa.

Edoardo Nastri ·

Un’ondata di nuove vetture cinesi è in arrivo in Europa. Le strade del Vecchio continente si preparano ad accogliere auto di marchi a volte  poco conosciuti ma che, a differenza di quanto accadeva in passato, riescono oggi a offrire prodotti di qualità a prezzi decisamente competitivi. A partire da MG, che fa parte del gruppo Saic, che in questi giorni ha presentato la sua offensiva per i prossimi anni. Non si tratta, in questo caso, di una vera e propria novità, vista la consegna di 21mila unità nel Vecchio continente nel 2021, il primo anno del brand sul mercato.

Entro dicembre, il costruttore affiancherà all’ibrida plug-in EHS il suv elettrico Marvel R, proporrà un restyling della ZS EV che porterà il modello a un’autonomia di 440 chilometri e nel primo trimestre del 2022 farà debuttare la MG 5 Electric, prima station wagon solo 100% elettrica al mondo. La crescita dei modelli è accompagnata dall’apertura di nuovi concessionari “MG Store”. Ai 300 attualmente attivi in 16 paesi europei se ne aggiungeranno altri 100 entro la fine dell’anno.

Tutti vendono l'elettrico 

Tutti i costruttori cinesi che hanno piani concreti per il Vecchio continente, puntano sulla mobilità elettrificata ed elettrica grazie all'esperienza maturata in Cina, il primo mercato di auto a zero emissioni al mondo. Negli ultimi quattro anni le immatricolazioni di auto cinesi in Europa sono cresciute esponenzialmente: passando dalle 6.200 unità del 2017 alle 11mila del 2019 alle 39mila del 2020 con un target per quest'anno di 50mila unità.

 BYD lancerà in Europa il suv a batteria Tango. Il costruttore ha scelto la Norvegia per il debutto, mentre nel corso del 2022 le vendite si apriranno anche agli altri mercati. Nel paese scandinavo le auto saranno commercializzate dal distributore locale RST che importa anche Suzuki e Isuzu.

Allo stesso modo, il 2022 dovrebbe vedere il debutto dell’M-Byte, suv 100% elettrico della startup Byton presentato per la prima volta al Salone di Francoforte 2019, caratterizzato da un enorme schermo da 48 pollici. Il presidente del brand Xu Heyi ha dichiarato di voler lanciare in Europa, senza fornire una tempistica precisa, anche il marchio Arcfox. Il primo veicolo sarà quella ECF disegnata da Walter de Silva nel 2017?

Ayways ha invece già introdotto il suv elettrico U5 (qui la nostra prova) che viene venduto anche in Italia tramite l’importatore Koelliker. Realizzata su una piattaforma specifica per vetture elettriche, la U5 (4,68 metri di lunghezza, 1,8 di larghezza e 1,68 di altezza) è mossa da un motore da 140 chilowatt, alimentati da un pacco di batterie al litio da 63 chilowattora che le permettono di avere un’autonomia di circa 400 chilometri (misurati nel ciclo d’omologazione Wltp). Nel 2022 arriverà anche il suv coupé elettrico U6, anticipato nelle forme dalla U6sion, che avrebbe dovuto essere al Salone di Ginevra 2020, cancellato per la pandemia.

Proprio a causa del Covid-19, infine, Nio ha dovuto posticipare l’arrivo in Europa, previsto inizialmente per il 2021. Ma i vertici non hanno dubbi: "Siamo ancora determinati al debutto nel Vecchio continente", dice il presidente Lihong Qin.

Vietato sbagliare

Sono molti i costruttori cinesi che negli anni hanno provato a vendere le loro vetture in Europa, ma che in poco tempo hanno dovuto rinunciare all’impresa. Da Landwind a Qoros, da Great Wall a Brilliance. Oggi l’occasione è particolarmente ghiotta visti i numerosi incentivi per auto elettriche dei governi e un certo ritardo di alcuni concorrentii europei nell’offerta di una gamma completa di modelli a zero emissioni.

Vietato, però, sbagliare: “Siamo molto attenti alle varie fasi di lancio dei nuovi modelli”, dice Isbrand Ho, amministratore delegato di BYD Auto Europe. “I prodotti non erano giusti, così come non lo erano l'immagine e l’assistenza post-vendita. Se lanci con successo, puoi fare affidamento su quell'avvio positivo per molti anni a venire. Se lanci in modo improprio, ci vorrà in vece molto tempo per risolvere il problema”. 

Tag

Arcfox  · Auto cinesi  · Auto elettriche  · BYD  · Cina  · Mercato Europa  · MG  · Nio  · 

Ti potrebbe interessare

· di Edoardo Nastri

Il marchio svela i suoi nuovi modelli. L'elettrica Marvel R arriverà entro fine mese (39.990 euro), a inizio 2022 debutterà la station wagon a batteria MG 5 Electric

· di Edoardo Nastri

In vendita da agosto a meno di 40mila euro, è il primo veicolo a ruote alte e a batteria dalla Cina disponibile sui nostri mercati. Lo abbiamo guidato in Germania