Ultimo aggiornamento  08 dicembre 2021 23:26

Bermat Gt, l'hypercar su misura.

Angelo Berchicci ·

Non capita tutti i giorni di assistere al lancio di una hypercar 100% italiana, con soluzioni tecniche uniche nel suo genere. E' questo il caso della Bermat GT, supersportiva che può essere scelta sia a batteria che con motore endotermico (in quest'ultimo caso solo per le competizioni), realizzata dall'omonima Bermat, azienda fondata a Rovereto da Matteo Bertezzolo. Il design è opera dello studio torinese Camal, e tra le chicche tecniche c'è un telaio micro-modulare, che permette all'acquirente di plasmare a proprio piacimento il carattere dell'auto. 

Design tra passato e futuro

Il design della Bermat GT sembra una via di mezzo tra linee futuristiche e stile classico. "L'obiettivo era creare qualcosa di nuovo, sperimentare volumi e soluzioni estetiche inedite, cercando di contribuire alla rivoluzione in corso nel mondo automotive. Abbiamo pensato di imbrigliare la velocità nelle sue forme primitive, catturare un oggetto alieno per portarlo sulla Terra, domarlo sulla strada per consentire a tutti di ammirare la sua cruda bellezza" commentano dallo studio Camal, aggiungendo anche di "aver voluto creare, tramite volumi alternati e linee scolpite, una silhouette di un'altra era. Un'auto elegante, ma che potrebbe mordere l'asfalto con violenza, come alcune storiche sportive degli anni '70". 

Soluzioni tecniche raffinate

Sotto l'aggressiva carrozzeria, le soluzioni tecniche impiegate per la vetture sono estremamente raffinate, a partire dalla cellula abitacolo realizzata con una monoscocca in fibra di carbonio, e ulteriormente irrigidita da un telaio di estrusi d'alluminio, in modo da renderla compatibile sia con i regolamenti FIA per i prototipi da corsa che con quelli dedicati alle vetture stradali.

Ma l'elemento più particolare dell'auto è il telaio micro-modulare, che consente in fase di acquisto di operare piccoli aggiustamenti nelle dimensioni e nel posizionamento di alcuni elementi. In questo modo ogni cliente può cucirsi addosso l'auto, scegliendo per la propria vettura il comportamento di guida più congeniale alle proprie esigenze.

Lo schema sospensivo è di tipo push-rod, come sulla maggior parte della auto da corsa, mentre il cockpit, realizzato interamente in carbonio, sfrutta una strumentazione digitale e uno sterzo racing con una moltitudine di comandi integrati, da far invidia a una Formula 1.

Sia elettrica che endotermica

Il tutto viene spinto da un powertrain formato da due motori elettrici, posiziona entrambi sull'asse posteriore, ma per le competizioni può essere dotata di un non meglio specificato propulsore endotermico. Saranno vari gli step di potenza proposti sulla vettura, fino a un massimo di 450 cavalli e 700 newtonmetri di coppia. Prezzi, tempistiche e numeri di esemplari previsti ancora da definire.

Tag

Bermat  · Bermat GT  · Hypercar  · 

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Odinzov

Realizzata dalla SP Automotive, debutta l'1 novembre e promette di battere ogni record. Grazie a un motore da 3mila cavalli e a un prezzo fino a 12 milioni di euro

· di Paolo Odinzov

Prodotta da Farnova Automotive, ha una potenza di 1.835 cavalli e raggiunge i 420 orari. 200 unità previste, per un listino pari ad almeno 248mila euro