Ultimo aggiornamento  08 dicembre 2021 23:16

Bmw Serie 2 Active Tourer, evoluzione mpv.

Paolo Odinzov ·

Il dubbio sicuramente ci sarà stato e trovandosi a dover reinventare la Serie 2 Active Tourer alla Bmw non avranno di certo fatto il gioco della margherita, tirando i petali, per decidere se continuare a proporre nella loro gamma una monovolume. Alla fine i tedeschi hanno comunque reputato che il modello ha ancora tanto da dire, pur se nel mercato le cosiddette mpv sono state ormai rimpiazzate da suv e crossover.

Aspetto più dinamico e sportivo

Proprio da quest’ultimi la seconda generazione della Serie 2 Active Tourer, appena svelata, riprende infatti la dinamicità nella linea senza però rinnegare il pedigree originale del modello. Lo fa con un design che sfrutta caratteristiche come i montanti anteriori fortemente inclinati, la linea di cintura alta e una vistosa impronta a terra data dai cerchi da 16 o 17 pollici, per un aspetto ancora più sportivo sottolineato anche dalla grande griglia a “doppio rene” frontale incorniciata da fari full Led di serie su tutte le versioni.

Più spazio all'interno

Anche all’interno la tedesca cambia profondamente. Grazie alle dimensioni leggermente maggiorate rispetto alla precedente, con una lunghezza di 4,39 metri (+3cm), una larghezza di 1,82 metri (+2,5 cm) e un’altezza di alta 1,58 metri (+2 cm), pur mantenendo un passo di 2,67 metri, guadagna spazio nell’abitacolo che rimane super trasformabile, variando in mille modi la posizione dei sedili, e vanta ora a seconda delle versioni un bagagliaio più ampio fino a 1.455 litri di capacità. Questo considerando però che non sarà più proposta nella gamma la variante a 7 posti Gran Tourer.

Abitacolo tech

A bordo della nuova Serie 2 Active Tourer fa subito effetto la plancia, dove - replicando quanto fatto da Bmw sulle elettriche iX e i4 - un pannello con superficie vetrata integra due display, da 10,25 e 10,7 pollici. Sono destinati uno alla strumentazione e l’altro al sistema infotainment di ottava generazione, con head-up display, realtà aumentata, aggiornamenti over the air e connettività 5G, che perde la tradizionale “manopolona” iDrive sul tunnel centrale e si gestisce solo tramite tocchi sullo schermo e comandi vocali.

Anche mild e plug-in

Riguardo alla meccanica la seconda generazione della Serie 2 Active Tourer è basata su un nuovo pianale, in grado di ospitare ogni tipo di propulsione e al quale sono associati numerosi Adas, per una guida semiautonoma di Livello 2.

Al debutto a febbraio 2022 sono previste per la vettura quattro motorizzazioni benzina e diesel a trazione anteriore, di cui due con sistema mild hybrid a 48 Volt, per una potenza da 136 a 218 cavalli. Mentre dalla prossima estate saranno disponibili anche due powertrain ibridi plug-in di quinta generazione a trazione integrale, da 245 e 326 cavalli, capaci di far percorrere alla tedesca in solo elettrico fino a 80 chilometri grazie a un pacco batteria da 7,4 chilowattora.

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Odinzov

Abbiamo provato la prima sportiva a batterie della Casa di Monaco, già ordinabile a 73mila euro. Numeri da supercar: 544 cavalli e 0-100 in 3,9 secondi

· di Luca Gaietta

Il costruttore vuole fronteggiare il calo di produzione per la carenza di chip, aumentando i prezzi delle vetture di fascia alta. Per il 2021 previsto un Ebit tra 9,5% e 10,5%

· di Paolo Odinzov

Abbiamo provato la nuova ammiraglia a batterie di Monaco. Dalla linea alle prestazioni, un'auto fuori dagli schemi, con un prezzo base di 84mila euro