Ultimo aggiornamento  01 dicembre 2022 05:36

Bmw alza le stime sui margini.

Luca Gaietta ·

La crisi dei microchip non spaventa Bmw che intende fronteggiare il calo di produzione alzando i prezzi delle sue auto di fascia alta, quindi non dei modelli entry level Serie 1 e X1 che raccolgono il 50% delle vendite del marchio, seguendo quanto fatto dalla maggior parte di costruttori su scala globale nel segmento premium con aumenti stimati da AlixPartners fino al 7%.

La Casa tedesca prevede per l’esercizio 2021 un margine operativo tra il 9,5% e il 10,5%, in aumento rispetto alla precedente previsione del 7% e del 9%. Mentre il Roe per Servizi Finanziari è stato rivisto portandolo dal 17-20% a 23%.

Free cash flow intorno ai 6,5 miliardi

“Anche se le restrizioni sulla fornitura di semiconduttori influiranno sulla produzione e sulle consegne, gli effetti positivi dei prezzi sia per i veicoli nuovi che per quelli usati andranno a compensare gli effetti negativi sul volume delle vendite», hanno detto i vertici di Monaco, sottolineando come per l’utile ante imposte e previsto in aumento significativo e il free cash flow nel segmento automotive sarà intorno ai 6,5 miliardi di euro.

Tag

BMW  · Business  · chip  · 

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Odinzov

Abbiamo provato la nuova ammiraglia a batterie di Monaco. Dalla linea alle prestazioni, un'auto fuori dagli schemi, con un prezzo base di 84mila euro