Ultimo aggiornamento  28 novembre 2021 18:24

Rolls-Royce, debutto elettrico nel 2023.

Edoardo Nastri ·

Dopo diversi annunci, indiscrezioni e voci, Rolls-Royce ha confermato ufficialmente che la sua prima auto elettrica si chiamerà Spectre e arriverà alla fine del 2023. “Abbiamo tenuto fede alle promesse: la nostra prima vettura a batteria è già in fase di test su strada. Non è un prototipo, ma un'auto reale, unica nel suo genere: sarà il primo prodotto di super lusso in questo segmento”, dice Torsten Müller-Ötvös, ceo di Rolls-Royce.

Manager e progettisti hanno deciso di dare un nome completamente nuovo alla vettura, senza particolari riferimenti al passato. “È l'inizio di una nuova eredità per il nostro marchio. Spectre è un nome potente ed evocativo, come quelli così perfetti che hanno definito i nostri modelli nel secolo scorso, come Phantom, Ghost e Wraith. Spectre è il nome che spingerà le donne e gli uomini più progressisti e influenti del mondo verso un futuro brillante ed elettrificato”, continua Müller-Ötvös.

"L'elettrico è perfetto per Rolls-Royce" 

A giudicare dalle prime immagini della vettura camuffata, sembra proprio che la Spectre avrà un’architettura coupé con un muso particolarmente pronunciato – ovviamente con l’irrinunciabile presenza dello Spirit of Ecstasy – mentre nulla si evince sulla soluzione adottata dai progettisti per la griglia frontale. Per la prima volta i designer chiuderanno le feritoie della tradizionale calandra, vista la natura elettrica del veicolo?

Come tutti gli altri modelli Rolls-Royce, anche la Spectre sta affrontando test piuttosto impegnativi: dovrà percorrere oltre 2,5 milioni di chilometri, pari a una simulazione di circa 400 anni di marcia, considerando la media d’uso di una Rolls. “Intraprendiamo questo nuovo percorso con un enorme vantaggio”, continua il ceo. “La trazione elettrica si adatta in modo unico e perfetto alle Rolls-Royce, più che a qualsiasi altro marchio automobilistico. È silenziosa, raffinata, ha una coppia disponibile istantaneamente e grande potenza”.

Il costruttore britannico, parte del gruppo Bmw, ha dichiarato che entro il 2030 si convertirà interamente alle zero emissioni. “E’ da tempo che il nostro brand studia la conversione all’elettrico. Nel 2011 abbiamo presentato 102EX, una Phantom completamente a batteria, mentre nel 2016 è arrivata la 103EX, concept car che offriva chiaramente la nostra visione per il futuro”.

Tag

Ti potrebbe interessare

· di Edoardo Nastri

Ad Automotive News Europe, il ceo Müller-Ötvös ha dichiara che il brand ha i clienti con l'età media più bassa di tutto il gruppo Bmw, Mini compreso

· di Edoardo Nastri

Prodotta in tre esemplari per altrettanti fortunati clienti, la cabriolet inaugura un dipartimento dedicato alle one off. Prezzo di circa 20 milioni di euro