Ultimo aggiornamento  01 dicembre 2022 04:57

Hyundai Ioniq 6, quello che sappiamo.

Angelo Berchicci ·

Con il passare del tempo si moltiplicano le indiscrezioni sulla Hyundai Ioniq 6, la futura berlina elettrica che rappresenterà il secondo modello della Casa nato sulla piattaforma dedicata E-GMP, dopo la Ioniq 5. L'auto, attesa per metà 2022 e ispirata nella linea alla concept Hyundai Prophecy, sarà lunga 4,9 metri circa e avrà prestazioni e specifiche tecniche da vera ammiraglia, andando a sfidare vetture premium come Mercedes EQE, Bmw i4, Tesla Model S e la futura Audi A6 e-tron, ma anche la prossima sedan elettrica di Volkswagen

Dimensioni importanti

La presentazione del modello era inizialmente prevista per gennaio 2022, ma è stata posticipata di 5/6 mesi. Le motivazioni di questo ritardo sembrerebbero legate proprio alle dimensioni del corpo vettura, oltre che al design e alle prestazioni del pacco batteria.

Secondo quanto riferito dalla testata Korea Economic Daily, Hyundai avrebbe chiesto un incremento della lunghezza di almeno 2 centimetri rispetto ai primi prototipi, in modo da posizionare l'auto nel pieno segmento executive. Una collocazione di mercato in cui non siamo abituati a vedere Hyundai, almeno in Europa, anche se la Casa ha un'ampia tradizione di ammiraglie in Cina e Sud Corea, dove dal 1986 commercializza la Grandeur, di cui la Ioniq 6 potrebbe essere l'erede a batteria.

Occhio anche alle prestazioni

Ad essere rivisti sarebbero stati anche alcuni stilemi, in modo da rendere l'auto accattivante per un pubblico giovane, e sarebbe stata richiesta una batteria con almeno 77.4 kilowattora di capacità, quindi leggermente maggiore di quella della Ioniq 5, che si ferma a 72.6 kilowattora. L'autonomia sarà superiore ai 500 chilometri, e potrebbe venire offerta anche in una versione d'ingresso con accumulatori da 50 kilowattora.

La base sarà la piattaforma modulare dedicata E-GMP, nella sua versione con passo più lungo (la stessa su cui, nel 2024, sorgerà il maxi-suv Ioniq 7), declinata con motorizzazioni a trazione posteriore o a trazione integrale, grazie alla possibilità di ospitare un'unità elettrica su ciascun asse. La Ioniq 6 sarà offerta in vari step di potenza, e potrebbe mostrare tutto il potenziale del binomio tra pianale e powertrain Hyundai di nuova generazione, che sono stati concepiti per gestire fino a oltre 600 cavalli di potenza

Potrebbe "parlare" tramite la calandra

Sulla Ioniq 6 sarà presente anche il sistema elettrico a 800 volt, che consentirà di raggiungere in circa 18 minuti l'80% dell'autonomia alla massima velocità di ricarica in corrente continua, alla quale è possibile accrescere la percorrenza di 100 chilometri dopo appena 5 minuti. I muletti, ancora camuffati, avvistati nei pressi dei centri ricerca e sviluppo in Corea del Sud mostrano una vettura con un taglio del tetto molto spiovente, in stile coupé a 4 porte, e un montante posteriore piuttosto arretrato, per aumentare l'abitabilità interna. 

La Ioniq 6 potrebbe essere anche la prima vettura sul mercato in grado di riprodurre messaggi luminosi tramite led posizionati nella calandra anteriore, una soluzione che Hyundai sta testando non solo per motivi estetici, ma anche per accrescere la sicurezza dei pedoni e degli altri utenti della strada. 

Tag

E-GMP  · Hyundai  · Hyundai Ioniq 6  · Ioniq 6  · 

Ti potrebbe interessare

· di Edoardo Nastri

Thomas Schemera, capo del marketing del costruttore, racconta che la gamma del brand potrebbe espandersi verso il basso. "La sfida è rendere le piccole profittevoli"

· di Redazione

Il costruttore ha coinvolto 15 grandi aziende del paese asiatico in un'organizzazione che intende promuovere diffusione e sviluppo dell’energia pulita, a partire dalla mobilità