Ultimo aggiornamento  27 ottobre 2021 04:59

Opel Astra torna alla carica.

Carlo Cimini ·

MILANO - Dopo 15 milioni di unità vendute in Europa negli ultimi 30 anni, Opel Astra torna alla carica (in tutti i sensi). La compatta tedesca, alla sua sesta generazione, è tutta nuova e costruita sulla piattaforma EMP2 del gruppo Stellantis.

In arrivo nelle concessionarie a inizio 2022, ma già ordinabile da ottobre, Astra si aggiorna con un design caratterizzato dal Vizor, il frontale Opel di ultima generazione che segue l’ultimo corso stilistico del marchio e prende spunto dallo stile dello storico modello Manta degli anni ’70. Lunga 4,37 metri, larga 1,86 metri e alta 1,47 metri, la tedesca di Rüsselsheim è stata aumentata nel passo rispetto al modello attuale di 13 millimetri a 2,67 metri.

Tech e sicura

Il profilo è dinamico, affusolato ed è esaltato dai gruppi ottici a sviluppo in orizzontale che mettono in risalto i fari a Led con tecnologia IntelliLux. Anche gli interni riprendono le linee esterne: design decisamente più pulito e razionale, con i tasti fisici ridotti al minimo. Al centro della plancia il Pure Panel con due schermi da 10 pollici posti a libro, uno dei quali davanti al guidatore dedicato alla strumentazione e l’altro touchscreen per il sistema multimediale, compatibile con Apple CarPlay e Android Auto. Come optional è disponibile anche l’head up display che proietta sul parabrezza i dati della marcia. Da segnalare anche lo spazio interno, che consente una capacità di carico minima del bagagliaio che aumenta da 370 a 422 litri.

Numerosi i sistemi di assistenza alla guida. Tra questi, cruise control adattivo con funzione Stop & Go, rilevamento angolo cieco a lunga gittata, telecamera intelli-vision con visione a 360 gradi per facilitare le manovre di parcheggio, rear cross-traffic alert che rileva la presenza dei veicoli al posteriore e mantenimento al centro della corsia.

Dal 2023 anche elettrica

Le motorizzazioni offerte su Astra comprendono la grande novità 2021, l’ibrido plug-in, in attesa della versione totalmente elettrica, la Astra-e, prevista nel 2023. 180 o 224 cavalli saranno le potenze disponibili sulla versione ricaricabile alla spina, alimentata da una batteria da 12,4 chilowattora in grado di viaggiare circa 60 chilometri a zero emissioni (ciclo WLTP).

In alternativa, Opel propone un 3 cilindri turbo benzina 1.2 litri nelle varianti da 110 cavalli (prezzo di partenza del modello da 24.500 euro con cambio manuale a sei rapporti) e 130 (offerto anche con trasmissione automatica) e un'unità diesel 4 cilindri 1.5 da 130 cavalli.

Tag

ibrida plug-in  · Opel Astra  · Stellantis  · Vizor  · 

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Odinzov

La sesta generazione della compatta a cinque porte arriverà a gennaio, disponibile subito con 2 sistemi plug-in e dal 2023 in versione completamente elettrica

· di Paolo Odinzov

Dal 2028 il marchio di Rüsselsheim, appartenente a Stellantis, venderà in Europa solo auto a batteria. Tra queste un crossover ispirato alla Manta degli anni '70