Ultimo aggiornamento  29 settembre 2021 00:21

Ford Mustang Mach-E GT, cavallo di razza.

Monica Secondino ·

MILANO - Danze tribali, performance acrobatiche, percussioni e tanto colore hanno fatto da cornice alla presentazione ufficiale in Italia della Ford Mustang Mach-E GT, la più potente della gamma elettrificata Mach-E. La coreografia non poteva essere più adatta perché trasmette elettricità ed energia, proprio come l’auto dell’ovale blu. Null’altro si può dire dell’evento dato che i frizzanti ballerini erano vestiti con abiti di una capsule collection segretissima, che verrà svelata in occasione della prossima Milano Fashion Week, dal 21 al 27 settembre nel capoluogo lombardo. Della vettura, invece, possiamo svelare tutto, compreso il fatto che sta vendendo già molto bene con i primi 600 contratti conclusi da luglio ad oggi.

Cambia volto

Due motori a corrente alternata muovono le ruote anteriori e posteriori per una potenza combinata di 487 cavalli e una coppia maggiore di qualsiasi altro veicolo da strada mai prodotto da Ford per i clienti europei: 860 Nm, quasi il 15% in più rispetto alla Ford GT. Anche l’accelerazione da 0-100 in 3,7 secondi è la più elevata per la Casa. La batteria da 88 kiloWattora (utilizzabili) consente un’autonomia fino a 500 chilometri nel ciclo Wltp ed è ricaricabile con una potenza fino a 150 kilowatt. In questo modo, in dieci minuti, si arriva ad avere una media di 97 chilometri di autonomia e si passa dal 10% all’80% della carica in circa 45 minuti.

La trazione è integrale, con una calibrazione esclusiva che, rispetto alle sorelle della gamma, impegna una percentuale maggiore della coppia a livello dell’asse posteriore. Cambiando la modalità di guida da Whisper, Active fino a Untamed, la Mustang Mach-E GT passa dall’essere un suv confortevole a trazione principalmente anteriore ad una coupé sportiva a trazione soprattutto posteriore. Ma è la modalità Untamed Plus che trasforma definitivamente la Mach-E GT da docile puledro a cavallo di razza: sterzo migliorato, risposta più immediata dell’acceleratore, sospensioni rinforzate, simulazione della scalata delle marce e sound degli interni migliorato. Il sistema calibra inoltre la propulsione per garantire una coppia e una potenza costanti, agendo anche su trazione e stabilità.

Divertimento di guida assicurato anche grazie alle sospensioni adattive MagneRide e al sistema frenante Brembo ad alte prestazioni, con le pinze dei freni nel rosso Colorado Red.

I colori del mito

A proposito di colori, l’auto è stata presentata nella tinta Cyber Orange, che non passa certo inosservata, ma è disponibile anche nel più discreto Grabber Blue. Molti i dettagli che la contraddistinguono come i passaruota in tinta con la carrozzeria, la griglia in policarbonato con effetto tridimensionale nella tonalità Dark Matter Grey e il design del paraurti anteriore con spoiler e prese d’aria. Altri elementi distintivi sono il tetto nel colore Shadow Black e gli specchietti retrovisori nella nuance Pillar Black.

All’interno ci si accomoda sui sedili imbottiti Ford Performance e lo sguardo è catturato dal touch screen full HD da 15,5”, cuore del sistema SYNC 4, il più evoluto della Casa. Tanta tecnologia anche per tutti i sistemi di assistenza alla guida come il cruise control con Stop&Go e Lane Centring, il sistema di mantenimento della corsia con Blind Spot Assist, l’Activ e Park Assist e il PreCollision Assist con Auto Emergency Braking. Basta muovere il piede sotto il paraurti per azionare il portellone posteriore e accedere al bagagliaio di 402 litri, che può arrivare a 1.420, ma non bisogna dimenticare che c’è anche un baule anteriore da 81 litri.

Per acquistarla servono 74.500 euro, non poco ma almeno la dotazione è davvero completa: gli unici optional sono il tetto panoramico e le vernici metallizzate.

Tag

Ti potrebbe interessare

· di Valerio Antonini

Una trasformazione ispirata a "Eleanor", la muscle car protagonista di "Fuori in 60 secondi". Sotto il cofano un V8 da 4,7 litri e 400 cavalli. L'auto è in vendita negli Usa