Ultimo aggiornamento  24 ottobre 2021 05:31

Mobilize, giù le carte.

Edoardo Nastri ·

MONACO DI BAVIERA – Mobilize, società del gruppo Renault dedicata ai servizi di nuova mobilità, espone i suoi modelli sullo stand del Salone di Monaco nella seconda giornata aperta al pubblico. Giù le carte sul tavolo: “Siamo pronti a vendere servizi di mobilità e non veicoli. Un modello che interessa molti settori del business, dai clienti privati alle aziende, sempre più propense a questa tipologia di soluzioni”, racconta Clotilde Delbos, ceo di Mobilize e direttrice finanziaria del gruppo Renault durante un incontro con la stampa.

Mobilize avrà una vera e propria flotta di modelli dedicati, ovviamente tutti 100% elettrici, che debutteranno nel corso dei prossimi anni. Il primo che vedremo è la Limo, berlina che verrà offerta dal 2022 esclusivamente a noleggio con una serie di pacchetti con ricarica e assicurazione inclusi. Renault e il costruttore Jiangling l’hanno sviluppata insieme per la Repubblica popolare nel 2018, dove viene venduta con il nome di Ezoom Yi.

La domanda, quindi, sorge spontanea: perché non una Renault? “Abbiamo esplorato le esigenze dei protagonisti del ride hailing ed è emersa una grande voglia di berline, in controtendenza col mercato, generalmente orientato sui suv e crossover. Abbiamo pensato perciò che questo modello fosse in linea con le necessità dei clienti per questo scopo più della nostra attuale gamma a marchio Renault”, ci racconta la manager francese.

Un quadriciclo, mille utilizzi 

Oltre alla Limo - due volumi di 4,67 metri di lunghezza con uno stile che prende spunto dalla Tesla Model 3 e un’autonomia dichiarata di 450 chilometri – sullo stand Renault al Salone di Monaco c’è anche il resto della flotta. Il 2023 sarà infatti l’anno del debutto di Duo e Bento, quadricicli a zero emissioni per la mobilità urbana. Lunghi 2,4 metri, larghi 1,2 e alti 1,4, questi due veicoli assolvono a funzioni diverse. Se Duo è dedicato al car sharing per clienti privati (due posti), Bento ha un unico sedile e un grande vano di 1 metro cubo di volume per ospitare pacchi, utensili da lavoro e qualsiasi altro oggetto necessario.

La somiglianza con la Renault Twizy del 2011 è evidente: “Certamente c’è un collegamento tra i due mezzi, ma l’esperienza della Twizy ci ha insegnato che le persone vogliono sentirsi ancora più sicure alla guida di un veicolo di questa tipologia. Quindi Duo e Bento hanno le portiere e altri optional importanti, come il riscaldamento e la possibilità di collegare lo smartphone per il sistema multimediale. L’utilizzo di questi veicoli rispetto a Twizy è differente e si rivolge alla collettività”, continua la manager francese.

L'Hippo per la logistica 

Il terzo modello esposto sullo stand Renault al Salone di Monaco è Hippo, van a zero emissioni che suscita immediatamente simpatia per i volumi squadrati e le proporzioni piuttosto compatte con le ruote ai quattro angoli più estremi. Pensato per la logistica, il van ha una capacità di carico di 200 chilogrammi per circa 3 metri cubi di spazio interno. Il piano di carico è completamente personalizzabile a seconda delle esigenze degli utilizzatori con celle frigo, cassetti e divisori di varia grandezza e portata.

“E’ forse il veicolo più interessante della gamma, ma allo stesso tempo anche il più complicato per il mercato. Al momento non abbiamo ancora una data di debutto, ma certamente le applicazioni sono infinite e possibili con i partner più diversi”, spiega Clotilde Delbos. Il mezzo è totalmente personalizzabile e può cambiare facilmente scopo, utilizzo e volto. E, a proposito di volti, l’Hippo è certamente una vecchia conoscenza. Sembra che il ceo Luca de Meo l’abbia scovato tra i progetti del gruppo di qualche anno fa: nel 2019 si chiamava EZ-Flex. 

Tag

Clotilde Delbos  · Logistica  · Mobilize  · Mobilize Bento  · Mobilize Duo  · Mobilize Hippo  · Mobilize Limo  · Renault Group  · 

Ti potrebbe interessare

· di Edoardo Nastri

La berlina elettrica costruita in Cina è il primo veicolo realizzato per la società di Renault. Arriverà nel 2022 esclusivamente per i servizi di taxi privati