Ultimo aggiornamento  05 dicembre 2022 03:08

Bosch: "Su il fatturato grazie alle elettriche".

Valerio Antonini ·

Bosch si sta adattando sempre di più alla transizione elettrica, e corre veloce anche in questo campo per restare leader del mercato della componentistica per auto.

Il colosso tedesco non solo vede l’elettrificazione come un processo chiave per salvaguardare l’ambiente, ma anche un nuovo modo per generare indotti. Nel corso del Salone di Monaco (in svolgimento fino al 12 settembre) l’azienda ha confermato le potenzialità del business: “Prevediamo che nel 2035 almeno il 60% di tutti i veicoli di nuova immatricolazione nel mondo sarà a batteria. Così, se nel 2021 l’azienda dovrebbe fatturare circa un miliardo di euro, nel 2025 ci aspettiamo di arrivare a 5 miliardi".

"I ricavi delle vendite nel settore della mobilità elettrica - spiegano sempre i manager di Bosch - saliranno di circa il 10% rispetto all’anno passato. Nonostante la crisi nella produzione dei chips causata dalla pandemia, le previsioni di crescita includono anche i sistemi di assistenza alla guida e dei relativi componenti".

Opportunità commerciale

Riguardo i passi che l'azienda sta compiendo verso la transizione elettrificata è intervenuto direttamente Volkmar Denner, ceo di Bosch, che ha confermato: “Abbiamo investito oltre 5 miliardi nella mobilità a batteria che, anche per questo, sta assumendo un ruolo sempre più centrale per noi. Stiamo trasformando questa sfida in un’opportunità commerciale per aumentare i ricavi”.

Al Salone tedesco Bosch ha portato anche un nuovo accessorio, sempre più richiesto con l’aumentare delle auto elettriche in circolazione: un cavo di ricarica flessibile e leggero (pesa meno di tre chilogrammi) completo di adattatori per spine di tipo 2 e domestiche. 

Tag

Auto Elettrica  · Bosch  · chip  · Salone di Monaco  · 

Ti potrebbe interessare