Ultimo aggiornamento  09 dicembre 2021 07:27

La Smart è suv (elettrico).

Angelo Berchicci ·

4,29 metri non sono poi tanti, ma se sul cofano c'è il logo di Smart diventano una vera rivoluzione. Alla vigilia del salone IAA di Monaco è stata presentata la Concept #1, suv elettrico che anticipa il primo modello della "nuova vita" di Smart.

Cosa cambia? Tutto, a partire dal costruttore, che continua a essere legato al gruppo Daimler ma ora fa capo a una joint venture paritetica con il colosso cinese Geely. E proprio a quest'ultimo è stato affidato lo sviluppo della piattaforma nativa a batteria della Concept #1, oltre a tutto il comparto tecnologico e all'assemblaggio. In Germania, invece, il team guidato da Gorden Wagener ha curato il design degli esterni e degli interni.

Design di rottura

La Concept #1 si presenta come un suv cittadino, che si pone al limite del segmento B con una lunghezza di quasi 4,3 metri, un bel salto rispetto ai 3,5 metri della Forfour. E' alta 1,70 metri e larga 1,91, misure che dovrebbero rimanere invariate o quasi sulla vettura di serie.

Sembra molto vicina al modello reale anche l'estetica, se si escludono alcuni elementi tipici delle show car ma difficilmente mantenibili nella produzione, come l'apertura "ad armadio" delle portiere con l'assenza del montante centrale. Per il resto, la forma dei proiettori anteriori e posteriori, a "goccia" con striscia a led centrale, ricorda gli stilemi delle ultime Mercedes a batteria, come la EQS, mentre frontalmente spicca una grande bocca carenata.

Un classico di Smart la carrozzeria con tinta bicolore, mentre strizzano l'occhio all'offroad le protezioni in plastica grezze nella parte bassa della vettura. All'interno possiamo ammirare l'enorme tetto in cristallo con ornamenti a led, ripresi anche nel pavimento dell'abitacolo. Originale il formato con quattro poltroncine singole (chissà che non venga ripreso anche sul modello di serie), mentre la plancia mostra un design tipicamente da elettrica, con un look futuristico e al contempo minimalista, grazie alla presenza del tablet in rilievo da 12,9 pollici che sostituisce ogni comando fisico. 

Tanta tecnologia

Per il momento non abbiamo informazioni riguardo il powertrain e il pacco batteria della Concept #1, nè dati su autonomia e prestazioni, che potrebbero essere diffusi nel corso della kermesse tedesca, dove la vettura può essere ammirata dal vivo. 

Particolarmente importante il comparto tecnologico: il processore alla base della Concept #1 è suddiviso in 4 domini principali: infotainment, sistemi di assistenza alla guida (tra cui l'assistente al parcheggio), funzioni di gestione del powertrain e altre funzioni relative al sistema vettura. Queste quattro voci comunicano costantemente tra loro grazie a un'elevata potenza di calcolo, e saranno aggiornabili da remoto (circa il 75% di tutte le componenti software potrà essere aggiornato "over the air"). 

Tag

Daimler  · Geely  · IAA Mobility  · IAA Monaco  · Smart  · 

Ti potrebbe interessare

· di Angelo Berchicci

Per le vie della "città eterna" con la più piccola delle citycar. Un passepartout urbano agile, scattante e a zero emissioni. In attesa della rivoluzione firmata Geely