Ultimo aggiornamento  27 novembre 2021 09:07

Ferrari, secondo trimestre di corsa.

Redazione ·

La Ferrari continua a correre nel secondo trimestre del 2021, nel quale ha pure annunciato la nomina del nuovo amministratore delegato Benedetto Vigna dall’1 settembre e l’arrivo della prima elettrica nel 2025.

Tra aprile e giugno, il costruttore modenese ha consegnato 2.685 vetture, con un aumento di 1.296 unità (+93,3%) rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, quando però erano state sospese produzione e consegne a causa del lockdown per la pandemia. Un rimbalzo importante ma anche numeri equivalenti allo stesso trimestre del 2019 (+0,5%).

Volano gli 8 cilindri

In particolare, si legge nel comunicato, adesso le vendite dei modelli a 8 cilindri (V8) sono aumentate del 111,2%, mentre per i modelli a 12 cilindri (V12) l’aumento è stato del 37,6%. Le consegne del trimestre sono state trainate dalla famiglia F8 e dalla 812 GTS, con il contributo della SF90 Stradale e della Ferrari Roma e con l’inizio delle consegne della nuova Portofino M.

Bene le vendite nella regione Emea (+89,4%) e nelle Americhe (+70,3%), più forte la crescita nella Cina Continentale, Hong Kong e Taiwan (+564,0%).

I risultati finanziari

I risultati finanziari hanno visto nel secondo trimestre un balzo dell’utile netto a 206 milioni di euro (soltanto 9 milioni l’anno scorso) e dei ricavi netti a 1.035 milioni, in crescita dell’86,0% a cambi costanti. L'Ebitda, cioè i margini di guadagno lordo, è pari a 386 milioni di euro (+210%) salito al 37,4% dal 21,9% mentre l’Ebit è di 274 milioni, contro i 23 milioni del secondo trimestre 2020, e un margine su al 26,5% dal 4%.

La Guidance 2021 sul free cash flow industriale è stata rivista al rialzo da circa 350 milioni a circa 450 milioni di euro, “a condizione – si legge nella nota - che l’operatività non sia impattata da ulteriori restrizioni dovute alla pandemia da Covid-19”. Non cambia invece la previsione di tre mesi fa per l’intero 2021 per ricavi pari a 4,3 miliardi, in aumento ovviamente rispetto a quelli del 2020 (3,5 miliardi) ma anche a quelli del 2019 (3,8 miliardi).

"Grandi opportunità"

“Questo eccellente secondo trimestre – dice il presidente e amministratore delegato John Elkann - conferma la forza di Ferrari e del suo modello di business senza eguali. Con l’avvicinarsi del nostro 75° anniversario l’anno prossimo, le nostre opportunità non sono mai state più vaste e ampie”. Per il 16 giugno 2022 (l’anno di presentazione ai mercati di Purosangue, il primo suv di Maranello) è fissato il prossimo Capital Markets Day. Sarà il primo di Vigna al volante, manager chiamato ad accelerare anche il processo di elettrificazione del marchio.

Tag

Ferrari  · John Elkann  · 

Ti potrebbe interessare

· di Linda Capecci

La Ferrari sarà messa in vendita da RM Sotheby's il 13 e 14 agosto. Nessuna stima ufficiale, ma il valore della vettura potrebbe superare i 10 milioni di euro

· di Angelo Berchicci

Tra grandi nomi, progetti ambiziosi e capitali ingenti (spesso provenienti dalla Cina), la Casa di Maranello deve guardarsi da vecchi e nuovi concorrenti