Ultimo aggiornamento  08 dicembre 2021 23:56

Honda, in pista con la Civic più "cattiva".

Paolo Odinzov ·

Ne verranno prodotti solo 100 esemplari destinati all’Europa, in vendita con un listino di 50mila euro, e di questi sono ben 3 quelli che nei giorni scorsi abbiamo scatenato tra le curve dell’Autodromo di Vallelunga. Scatenato è il termine giusto, perché la vettura in questione è la versione Limited Edition della Honda Civic Type R. Ovvero il modello più estremo nella gamma della berlina giapponese, creato per portare avanti una tradizione che ormai dura da 56 anni. Da quando nel 1965 Honda, dopo essere stata la prima Casa nipponica a vincere un GP di Formula 1, ha deciso di dar vita al brand "R", destinato a enfatizzare l’anima sportiva del marchio.

Carrozzeria Sunlight Yellow

La Civic Type R Limited Edition è dunque un’auto speciale e lo fa capire fin dalla colorazione esclusiva gialla "Sunlight Yellow" che, unita a particolari come la presa d’aria supplementare sul cofano, oppure alla grande ala posteriore, lascia intuire subito l’indole da corsa della vettura, “omologata per l’impiego stradale ma pensata specificatamente per l’utilizzo in pista”: come ci hanno detto i progettisti, prima di invitarci a provarla tra i cordoli e le chicane della pista, con il supporto tecnico degli istruttori dei corsi di Guida Sicura ACI-Sara.

Dieta dimagrante

Rispetto alle altre versioni Sport Line e GT della Civic Type R, la Limited Edition ha subito diverse modifiche tecniche per abbassarne il peso di 47 chili e permetterle di fermare l’ago della bilancia a soli 1.358 chili.

Sono stati ad esempio eliminati dalla carrozzeria i pannelli fonoassorbenti e tra le dotazioni dell’abitacolo non ci sono né il navigatore né il climatizzatore. Questa vettura prevede inoltre specifici cerchi BBS forgiati in allumino da 20 pollici, simili a quelli della supercar NSX, vestiti da penumatici Michelin Cup 2. Mentre rimane uguale alle sorelle di gamma il comparto dell’elettronica di controllo, con 3 modalità di guida (Comfort, Sport e quella da racing +R ) e l’architettura del telaio che impiega sospensioni adattive, caratterizzate da una rapidità fulminea ad adattarsi alle vari condizioni del manto stradale.

Numeri da primato

A tutto ciò la Civic Type R Limited Edition unisce il conosciuto 4 cilindri benzina turbo VTEC da 2.0 litri, 320 cavalli e 400 newtonmetri, che muove le ruote anteriori tramite una trasmissione manuale a 6 marce e gestito nell’erogazione da un acceleratore di tipo “drive-by-wire”. Un motore con il quale ha dato prova, sull’asfalto di Vallelunga, di poter davvero levare il fiato. Basti pensare che la giapponese scatta da 0 a 100 in 5,7 secondi e può toccare i 270 chilometri orari di velocità massima.

Numeri da primato che, uniti al perfetto handling della vettura, ci hanno permesso di affrontare con brividi ed emozioni gli oltre 4 chilometri d’asfalto della pista dedicata al pilota Piero Taruffi, che ne è stato ingegnere e progettista, dove non mancano di certo insidie e tratti impegnativi. A cominciare dal famoso “curvone” che si fa in piena, dove molte auto entrano in crisi ma non la jap, che non ha mollato di un centimetro la presa, accompagnata dal rombo dei 3 scarichi centrali. Provare per credere.

Ti potrebbe interessare

· di Angelo Berchicci

La Casa giapponese ha svelato la versione più potente della supercar ibrida, di cui va a chiudere la produzione. Costruita in 350 esemplari, ha 600 cavalli

· di Angelo Berchicci

La Casa ha annunciato una versione speciale Type S (a marchio Acura) in 350 esemplari, che chiuderanno nel 2022 la produzione della sportiva ibrida

· di Massimo Tiberi

Lanciata nel 1999, la spider giapponese aveva un 4 cilindri aspirato da 2,0 litri e 240 cavalli. "Allungava" fino a oltre 9mila giri, numeri quasi motociclistici

· di Edoardo Nastri

Con la nuova serie il modello più famoso della Casa arriva a 11 generazioni. In Europa la vedremo verso la fine del 2022, in versione ibrida e carrozzeria a 2 volumi

· di Redazione

L'autodromo - di proprietà dell'Automobile Club - è un simbolo italiano di passione motoristica. Da pista per cavalli a polo internazionale per la e-mobility sportiva