Ultimo aggiornamento  29 settembre 2021 01:14

Tesla, una giornata per l’intelligenza artificiale.

Redazione ·

Elon Musk ha annunciato su Twitter che Tesla terrà - tra circa un mese - un "AI Day" per mostrare  a tutti i suoi progressi nel software e nell'hardware relativi all'intelligenza artificiale. E la giornata - che ricalca quelle dedicata alle auto autonome del 2019 e il “Battery Day” del 2020 - dovrebbe servire anche, nelle intenzioni del costruttore, a reclutare nuovi talenti nel settore.
Già in passato Musk ha rivendicato il ruolo di punta della sua azienda di auto elettriche nello sviluppo dell’intelligenza artificiale e ha sostenuto che chiunque si interessi dell’argomento “dovrebbe lavorare per Tesla”, in particolare viste le capacità dell’azienda di sperimentare e applicare velocemente i risultati delle ricerche ai suoi prodotti. “Lavorare per noi - sostiene Musk - è Il percorso più veloce per distribuire le vostre idee nella vita reale".

Super computer

L’annuncio di Musk arriva poche ore dopo una lunga presentazione - fatta da Andrej Karpathy, responsabile dell'AI per Tesla - riguardo gli ultimi sviluppi della tecnologia della computer vision necessaria per arrivare a un sistemo completo di guida automoma.
Karpathy ha svelato il nuovo supercomputer del costruttore, che è già il quinto più potente al mondo, e il predecessore del nuovo "Dojo" di Tesla che dovrebbe essere pronto a entrare in attività entro la fine del 2021."Dojo" è una parola giapponese che, etimologicamente, indica il "luogo dove si segue la via".

Il sistema è utilizzato per addestrare le reti neurali che alimentano l'Autopilot di Tesla e la prossima generazione di intelligenza artificiale dedicata alla guida autonoma. "Dojo" sarebbe un supercomputer capace di un exaFLOP, un milione alla quinta di operazioni al secondo, o 1.000 petaFLOPS.

Tag

Battery Day  · Dojo  · Elon Musk  · Intelligenza artificiale  · Tesla  · 

Ti potrebbe interessare

· di Luca Gaietta

L'azienda di Elon Musk potrebbe permettere presto anche alle vetture di altri costruttori di ricaricarsi nelle stazioni Supercharger. A cominciare da quelle in Norvegia

· di Paolo Borgognone

In una comunicazione al Dipartimento trasporti della California, il costruttore corregge le parole del ceo che prometteva il livello 5 entro il 2021. “Siamo al 2”