Ultimo aggiornamento  28 ottobre 2021 14:17

The Drivers Club, in viaggio nel Bel paese.

Redazione ·

In giro per l'Italia a bordo delle automobili più celebrate della storia. È l'essenza di The Drivers Club, l'evento fondato da professionisti dei settori turismo e automotive, che nasce per offrire ai propri soci e clienti una prospettiva di viaggio premium nel nostro Paese.

Esordio in Toscana e Sardegna

In occasione del lancio, The Drivers Club ha organizzato due esperienze di viaggio in Toscana e Sardegna associate a una selezione auto cabriolet. Gli itinerari sono individuali o per piccoli gruppi. Ciascun tour è completamente personalizzabile a seconda di passioni e preferenze. Tra le vetture d’epoca e contemporanee ci sono la Ferrari 246 GT Dino, Porsche 911 S Targa 2.4 e Jaguar E-Type Roadster V12. Il catalogo include anche young timers, droptop, super sportive, granturismo e ammiraglie.

The Drivers Cllub offre accesso ad alcuni dei più importanti circuiti italiani, come l’Autodromo del Mugello e l’Autodromo Vallelunga "Piero Taruffi". Infine, ogni itinerario è accompagnato da ricercate esperienze culturali e culinarie, con soste gastronomiche che prevedono una serie di menù preparati esclusivamente con prodotti del territorio, creati da ristoranti della tradizione, aziende vinicole e chef stellati Michelin.

L’apertura ai soci della Member’s Clubhouse è prevista per gennaio 2022. Il responsabile del The Drivers Club Matteo Morichini ha detto: “Sono davvero felice di presentare questo progetto che trova ispirazione nelle infinite bellezze del nostro paese come nella volontà di svelare e sostenere, l’altrettanto straordinario patrimonio storico e artistico minore. Stiamo sviluppando altri progetti legati al turismo esperienziale, collezionismo e test-drive creati per varie aziende leader del proprio settore”.

Per ulteriori informazioni CLICCA QUI

Tag

Auto storiche  · The Drivers Club  · viaggio  · 

Ti potrebbe interessare

· di Carlo Cimini

Si è chiusa la prima edizione del tour non competitivo 100% a zero emissioni. Dalla Brianza alla Versilia, 1.000 chilometri a batteria lungo l’Appennino