Ultimo aggiornamento  26 luglio 2021 03:47

Rimac, Bugatti sempre più vicina?

Luca Gaietta ·

Secondo la rivista tedesca Manager Magazin il produttore di hypercar elettriche Rimac, del quale Porsche detiene una quota del 24%, starebbe valutando diverse opzioni per lo sviluppo aziendale. Tra queste, come riportato anche da Reuters, una quotazione in Borsa con un’offerta pubblica iniziale (IPO) nel 2022 mirata a raggiungere una valutazione di 5 miliardi di euro.

Nell’orizzonte futuro della azienda croata, inoltre, sembrerebbe sempre più reale la possibilità di diventare il maggior azionista del marchio Bugatti, oggi appartenete anche questo come Porsche al gruppo Volkswagen.

Una joint venture con Porsche

Il controllo della Casa francese di Molsheim da parte di Rimac, stando sempre a quanto scritto nella testata, sarebbe destinato a concretizzarsi attraverso una joint venture con Porsche. Dove Rimac avrebbe la maggioranza con il 55% contro il 45% del costruttore di Zuffenhausen, rimanendo così di fatto indipendente.

Le prime speculazioni a settembre 2020

Già a settembre 2020 erano emerse informazioni secondo cui il gruppo Volkswagen stava considerando di trasferire la proprietà di Bugatti a Rimac, ricevendo in cambio delle quote nella compagnia croata.

Lo stesso capo di Porsche Oliver Blume all'inizio di quest'anno aveva parlato di un possibile ruolo di Riamc nel futuro di Bugatti, affermando che la decisone sarebbe stata presa nella prima metà del 2021. Potremmo allora essere realmente vicini ad una svolta destinata a cambiare in un modo o nell’altro l’assetto del colosso automobilistico di Wolfsburg, oltre a quello del marchio di Sveta Nedelja.

Tag

Bugatti  · Gruppo Volkswagen  · Rimac  · 

Ti potrebbe interessare

· di Valerio Antonini

Nasce una joint venture tra i due costruttori di hypercar. Il brand croato controllerà il 55% del capitale, il restante 45% sarà nelle mani di Porsche

· di Angelo Berchicci

La Casa di Stoccarda già detiene il 15,5% della startup. A breve una nuova raccolta di finanziamenti. I possibili sviluppi riguarderebbero anche il futuro di Bugatti