Ultimo aggiornamento  29 luglio 2021 07:15

Le plug-in? "Altro che false elettriche".

Luca Gaietta ·

“Le auto plug-in non sono false auto elettriche, offrono oggi una elevata autonomia e sono ecologiche”: a dirlo il ceo di Daimler Ola Källenius che, in una intervista ad Automotive News Europe si è schierato in difesa delle ibride ricaricabili, contestando le tesi di attivisti ambientalisti secondo i quali questo tipo di vetture sono solo delle “finte elettriche , costruite per test di laboratorio e agevolazioni fiscali e non per una guida reale durante la quale emettono perfino più CO2 rispetto alle normali vetture a combustione".

Molta più autonomia rispetto ai precednti modelli

Soffermandosi proprio su quest’ultimo punto Källenius ha affermato che le tecnologie che equipaggiano le moderne auto plug-in offrono un'autonomia assai superiore a quelle di pochi anni fa, il che significa che possono essere guidate in modalità completamente elettrica molto più frequentemente di prima.

"Siamo ormai arrivati alla terza generazione di auto ibride plug-in, dotate di batterie potenti che permettono a molti clienti di andare avanti e indietro per lavorare l'intera settimana viaggiando a zero emssioni", ha detto lo svedese, portando come esempio l'ultima Mercedes Classe C dotata di un accumulatore da 25,4 chilowattora che fornisce fino a 100 chilometri di autonomia.

Anche il ceo di Hyundai Europe, Michael Cole, ha difeso la tecnologia PHEV e, parlando del suv plug-in Tucson prodotto dalla Casa coreana, ha ribadito come questo garantisca fino a 56 chilometri di marcia a zero emissioni “più che sufficienti a coprire il tragitto giornaliero della maggior parte delle persone in Europa".

Imparare a guidarle sfidandosi nei consumi

Secondo i due manager è comunque opportuno che la gente impari a sfruttare al meglio le vetture plug-in cambiando anche lo stile di guida. A questo proposito Mercedes ha sviluppato un’app (Mercedes me) con la quale coloro che vogliono possono condividere i propri dati sul consumo di carburante per vedere come si comportano al volante, dando magari anche vita ad una sfida a chi inquina meno.

Tag

Ti potrebbe interessare

· di Redazione

Il gruppo coreano avrebbe intenzione di dimezzare la sua gamma con motore tradizionale per liberare risorse e investimenti da dedicare allo sviluppo di elettriche

· di Angelo Berchicci

Il brand presenta la sua architettura plug-in, abbinabile a motori 4 cilindri o V8. Debutterà sulla rinnovata Classe C. In futuro anche modelli a batteria ultra-performanti