Ultimo aggiornamento  17 ottobre 2021 12:36

Hyundai e GM, avanti con le auto volanti.

Paolo Odinzov ·

Le auto volanti potrebbero presto diventare una realtà. Ad essere fermamente convinti di questo sono diversi costruttori, primi fra tutti Hyundai e General Motors, ottimiste sul fatto che nei prossimi anni potrebbe essere attivato un servizio di aviotaxi superando tutti gli ostacoli tecnici e normativi che al momento ne impediscono la messa in opera.

L'impiego nei centri urbani congestionati

Alla conferenza Reuters Events Car of the Future, Hyundai, per voce del direttore operativo globale Jose Munoz, ha dichiarato di essere perfino in anticipo sul programma per l'implementazione di veicoli per la mobilità aerea, sostenendo che questi potrebbero essere operativi già nel 2025 rispetto al 2028 come precedentemente stabilito.

"Vediamo le auto volanti come una significativa opportunità di crescita e sono molto fiducioso nello sviluppo di mezzi tecnologici ed efficienti, ha detto Munoz, specificando che Hyundai punta a proporre “aviotaxi alimentati da batterie elettriche in grado di trasportare fino a 6 persone dai centri urbani altamente congestionati agli aeroporti”.

Le stime di Morgan Stanley

Secondo Pamela Fletcher, vicepresidente del team Global Innovation di General Motors, il 2030 è invece l’anno in cui potrebbe esserci la svolta dando il via libera agli aviotaxi. Questi, secondo una stima di Morgan Stanley, alimenteranno un mercato che potrebbe raggiungere un miliardo di miliardi di dollari entro il 2040 e 9 miliardi di miliardi nel 2050.

Un ex ingegnere NASA per lo sviluppo

Non è infatti un caso Hyundai abbia creato nel 2019 una divisione dedicata alla mobilità aerea urbana, guidata da Jaiwon Shin, ex ingegnere della NASA, impegnandosi a investire nell’affare circa 1,5 miliardi di dollari entro il 2025.

Tag

auto volanti  · aviotaxi  · General Motors  · Gruppo Hyundai  · 

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Odinzov

Presto le vetture tradizionali rappresenteranno un lontano ricordo, tra modelli elettrici, guida autonoma e - soprattutto - tanti mezzi di trasporto alternativi

· di Luca Gaietta

L'infrastruttura per accogliere i velivoli volanti del costruttore verrà realizzata nell'ambito del progetto Air One sostenuto dal Future Flight Challenge del governo britannico