Ultimo aggiornamento  29 luglio 2021 06:37

Volkswagen Multivan, come una berlina.

Paolo Odinzov ·

C’era una volta il Bulli, c’è oggi il Multivan: veicolo che nella famiglia commerciale Transporter della Volkswagen ha preso dal 2003 il posto del celebre pulmino da trasporto persone e che adesso, con il debutto della settima generazione in vendita il prossimo autunno, per la prima volta assume una connotazione del tutto diversa dagli altri modelli della gamma.

Lo fa abbandonando anzitutto l’architettura T6.1, utilizzata per i furgoni Transporter, sfruttando come base la stessa piattaforma MQB della Volkswagen su cui nasce anche la Golf. Un cambio radicale che ha permesso di regalare al modello una linea più sfinata e ricercata, per andare a competere nel segmento con navette di lusso come la Mercedes Classe V. E ha consentito anche di far guadagnare al Multivan diversi punti per quanto riguarda lo spazio interno, le prestazioni e il comfort di marcia.

Più comodo e spazioso

Rispetto alla precedente generazione cambiano le dimensioni. Nella versione base il Multivan adesso è più lungo (4,97 metri), più largo (1.94 metri) e scende in altezza (1,90 metri). Mentre nella variante estesa la lunghezza della carrozzeria arriva a 5,17 metri.

Questo ha consentito di aumentare la capacità di carico fino a 4.053 litri, facendo anche dell’abitacolo un salotto accogliente che offre la massima versatilità grazie ai singoli sedili della seconda e terza fila, che scorrono su un sistema dei binari e possono essere spostati a piacimento, oltre a poterli all’occorrenza ribaltare e asportare del tutto.

Equipaggiamenti al top

Tra gli equipaggiamenti il van tedesco vanta un tavolo multifunzione, anche questo mobile su un binario, che si alza premendo un tasto. Sulla plancia di guida invece il nuovo Multivan prevede il digital cockpit, associato a un avanzato sistema infotainment dal quale possono essere controllate e gestite la maggior parte delle funzioni di bordo e di connettività.

Viaggia anche a zero emisioni

A gamma completa il nuovo Multivan conterà una ricca offerta di motorizzazioni che prevede per la prima volta un ibrido plug-in eHybrid da 218 cavalli, in grado di percorrere svariati chilometri a zero emissioni. A questo si affiancheranno 2 unità a benzina sovralimentate, 1.5 TSI da 136 cavalli e 2.0 TSI da 204 cavalli, oltre a un diesel 2.0 TDI da 150 cavalli. Per tutti è previsto il cambio a doppia frizione Dsg e la trazione anteriore.

Per quanto riguarda la sicurezza, fin dall’allestimento base sono previsti sul nuovo Multivan diverse tecnologie, tra le quali l’assistente alla svolta Turn-off assist e l’IQ.Drive Travel Assist, che permette la guida semiautomatica da 0 a 210 chilometri orari. Nella lista degli optional, infine, non mancano i gruppi ottici adattivi con tecnologia Led Matrix.

Tag

Ti potrebbe interessare

· di Luca Gaietta

Il costruttore ha avviato un programma che dal prossimo luglio consentirà ai modelli ID di scaricare via radio ogni 12 settimane i software più recenti

· di Valerio Antonini

Per lo speciale anniversario il veicolo commerciale leggero si rinnova, facendo il pieno di tecnologia. Grande attenzione anche alla sicurezza e al comfort

· di Angelo Berchicci

La Casa di Wolfsburg ha stabilito la data entro la quale intende togliere dal commercio i motori endotermici in Europa. Per gli altri mercati dipenderà dalle condizioni

· di Angelo Berchicci

La Casa ceca ha presentato la sua strategia per la transizione energetica. Taglio del 50% nelle emissioni di C02 e margini operativi dell'8%

· di Luca Gaietta

L'azienda tedesca sta pensando di offrire un servizio "pay-per-use" con le sue vetture elettriche ID, contando su nuovi software e servizi di connessione