Ultimo aggiornamento  17 ottobre 2021 11:01

Jeep, a pieno regime il nuovo sito di Detroit.

Luca Gaietta ·

Ci sono voluti 30 anni perché a Detroit, capitale dell’auto americana, nascesse un nuovo stabilimento per la produzione di vetture. L’ultimo sito ad essere costruito nella più importante città del Michigan, quello di Jefferson North della Chrysler, risaliva infatti al 1991. Prima che il gruppo Stellantis decidesse di aprire un nuovo impianto di assemblaggio a di Mack Avenue da 1,6 miliardi di dollari e 2,8 milioni di metri quadri di superficie, messo su a tempo di record durante la pandemia e che adesso, dopo l’inaugurazione a marzo, è entrato a pieno regime con 3 turni di produzione giornaliera.

5mila dipendenti

Ci lavorano circa 5mila dipendenti e al suo interno viene costruita al momento la Jeep Grand Cherokee nella versione L a 7 posti, realizzata in ogni singola unità partendo da zero in 36 ore. Si tratta di una vettura cruciale per Stellantis, destinata a competere nel mercato con i maxi suv come l’Explorer della Ford, e che proprio con la nascita del sito ha portato molti a battezzare scherzosamente Detroit con il nome di Jeep City. Un po’ come avvenne al tempo per la città tedesca di Wolfsburg, trasformata in Golfsburg quando venne lanciata la Volkswagen Golf.

“La sfida più grande per avviare la nuova fabbrica è stata trovare delle persone con le giuste competenze in grado di lavorare in un ambiente di produzione. I candidati al lavoro sono stati sottoposti a test di destrezza come parte dei loro colloqui”, ha detto il direttore dello stabilimento Michael Brieda, specificando che sono state più di 2mila i dipendenti assunti residenti a Detroit.

500mila unità l'anno per il mercato Usa

Il nuovo stabilimento Jeep di Mack Avenue assieme a quello di Jefferson North, oggi dedito anch’esso alla produzione Jeep, consentiranno di costruire oltre 500mila unità l’anno di Grand Cherokee, destinate prevalentemente al mercato Usa e che presto potranno essere equipaggiate anche con un inedito powertrain elettrificato allo studio della Casa.

Tag

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Borgognone

Il marchio Usa propone, insieme al produttore di strumenti musicali Wallace Detroit Guitars, una chitarra elettrica da 2.900 dollari e un inno dedicati alla Motor City

· di Paolo Odinzov

La versione plug-in della storica fuoristrada sfrutta un 2.0 turbo e due unità elettriche. 380 cavalli e 50 chilometri a zero emissioni. Prezzi da 69.550 euro