Ultimo aggiornamento  28 settembre 2021 04:34

Apple Car: si guarda alle batterie.

Redazione ·

L’Apple car, l’elettrica della Mela, continua a far parlare di se con cadenza quasi quotidiana. Le ultime indiscrezioni, che rimbalzano dagli Usa, parlano di nuovi contatti che la società di Cupertino avrebbe avviato con le cinesi Catl e Byd: oggetto dei colloqui sarebbe la fornitura di batterie.

Una fabbrica negli Usa

Fonti confidenziali avrebbero confermato le discussioni in corso, ancora allo stato iniziale, e avrebbero anche rivelato come una pre-condizione messa da Apple per ogni possibile accordo sia quella dell'apertura di una fabbrica sul suolo americano. Un argomento molto spinoso perché Catl avrebbe già espresso dei dubbi a riguardo, temendo l’insorgere di difficoltà, soprattutto in considerazione dei rapporti economici non proprio idilliaci tra Washington e Pechino.

Pur non avendo mai confermato l'arrivo di una propria vettura elettrica, Apple in passato si era detta favorevole in teoria all’utilizzo di accumulatori al litio-ferro-fosfato, che sono più economici da produrre, visto che non usano elementi come nichel e cobalto. Alla luce delle nuove indiscrezioni non è chiaro se i californiani intendono utilizzare una propria tecnologia o se stanno pensando di affidarsi a quelle delle altre due aziende che forniscono alcuni dei più importanti costruttori al mondo, come Tesla.

Le borse approvano

Nessuna delle tre società coinvolte ha comunque rilasciato finora commenti ufficiali. Le uniche reazioni sono quelle della Borse asiatiche, ancora aperte quando sono filtrate le indiscrezioni: le azioni di Byd hanno esteso i guadagni fino al 5,4% a Hong Kong e al 6,5% a Shenzen. Catl, che era in discesa, ha invertito la rotta e ha chiuso in crescita dello 0,5%.

Le discussioni arrivano in un momento in cui il governo degli Stati Uniti sta cercando di aumentare la produzione di veicoli elettrici. Il piano infrastrutturale da proposto dal presidente Usa Joe Biden include un budget di 174 miliardi di dollari per stimolare il mercato a batteria nazionale con - tra gli altri incentivi - crediti d'imposta e sovvenzioni per i produttori di accumulatori.

Reuters ha riferito nelle scorse settimane che Catl starebbe progettando un nuovo importante impianto di batterie automobilistiche a Shanghai, vicino alla fabbrica di Tesla, con l’obiettivo accrescere la propria espansione e confermare la leadership come primo fornitore mondiale di accumulatori.

Tag

Apple Car  · BYD  · Catl  · Joe Biden  · Tesla  · 

Ti potrebbe interessare

· di Redazione

Kevin Lynch, il cervello dietro il dispositivo da polso intelligente della Mela, è passato al “Project Titan”. In passato si era occupato anche del Creative Cloud di Adobe

· di Redazione

Un altro manager del Project Titan, l’autonoma della Mela, se ne va. E’ la terza defezione in pochi mesi nel team di Doug Field: ma le ricerche proseguono