Ultimo aggiornamento  18 ottobre 2021 21:28

Milano, un car sharing per i pendolari.

Redazione ·

“Il potenziamento del sistema di car sharing si inserisce nell’ampia offerta di mezzi in condivisione disponibile in città. Pertanto, a partire dal 2024, è previsto un altro ambizioso passo avanti: l’immissione di flotte esclusivamente elettriche per una Milano sempre più verde”. Così l’assessore alla mobilità Marco Granelli presenta il nuovo progetto a “stallo fisso”, in grado di servire anche i pendolari che abitano nella Città Metropolitana. Le linee di indirizzo del nuovo avviso pubblico, approvato nei giorni scorsi dalla giunta comunale, saranno pubblicate nelle prossime settimane.

Come funziona

Il bando del comune infatti prevede di mettere a disposizione degli operatori interessati appositi stalli su suolo pubblico, che saranno assegnati in concessione onerosa a seguito di procedura pubblica. Secondo il bando i veicoli delle flotte “station based” dovranno essere elettrici plug-in o range extended, ibridi, alimentati a metano (anche bimodali), a Gpl (anche bimodali), a benzina, rispettando lo standard di inquinamento più performante al momento dell’immissione in servizio.

Il parco veicoli dovrà essere periodicamente rinnovato, in modo da essere sempre in linea con le norme comunitarie in materia di emissione di inquinanti e di CO2, dovrà avere le caratteristiche richieste per la circolazione senza deroghe in Area B e Area C e il servizio dovrà essere assicurato 24 ore su 24, per tutti i giorni dell’anno. La flotta minima dovrà essere di 100 veicoli, con 153 stalli a disposizione distribuiti su 100 località, servita da un idoneo servizio di assistenza attraverso un call center per tutta la durata del servizio.

Ti potrebbe interessare

· di Marina Fanara

Dal prossimo bando, il Comune azzererà l'imposta per il primo anno di attività. Dopo l'operatore pagherà scontato e solo se raggiungerà un alto numero di noleggi

· di Marina Fanara

E' una delle proposte degli operatori del settore per svecchiare il circolante e ridurre traffico e smog. Servono anche servizi più capillari e flotte triplicate