Ultimo aggiornamento  28 gennaio 2023 01:33

Bentley, debutta la Bentayga Hybrid.

Paolo Odinzov ·

Bentley compie un passo avanti verso la transizione elettrica, con il rilascio di un nuovo modello ibrido, la Bentayga: si tratta della terza versione, dopo quella V8 e quella Speed, del suv di lusso prodotto dalla Casa inglese appartenente al gruppo Volkswagen. Un modello atteso e cruciale per consentire al marchio di aumentare le vendite in Europa.

Sotto al cofano la Bentayga Hybrid impiega un sistema che associa un propulsore benzina V6 turbo twin-scroll da 3.0 litri a un motore elettrico. Questo eroga una potenza di 449 cavalli e 700 newtonmetri di coppia e consente di percorrere fino a 40 chilometri a zero emissioni, assicurando a detta del costruttore uno spunto nella marcia degno di un’auto sportiva.

La strategia Beyond100

Proposta con un listino base di 172mila euro, vicino a quello della versione V8, la Bentayga Hybrid rappresenta un ulteriore passo nell’ultima strategia di sviluppo Beyond100 della Bentley che punta a farne la principale azienda mondiale di mobilità sostenibile di lusso. Con un'offerta elettrificata per ogni modello della gamma entro i prossimi tre anni, oltre all’arrivo nel 2025 della prima vettura del marchio alimentata da sole batterie.

Come una GT

“La Bentayga Hybrid -  spiegano i progettisti di Crewe - offre il massimo del lusso elettrico pur avendo le capacità di una gran turismo. I clienti potranno con questa vettura sfuggire al rumore della città attraverso la serenità raffinata e acusticamente isolata dell'abitacolo senza interferenze del motore termico, contando per il massimo comfort a bordo su una configurazione interna a 4 e 5 posti e diversi livelli di personalizzazione”.

Ti potrebbe interessare

· di Valerio Antonini

Mulliner, il reparto specializzato nelle personalizzazioni del marchio di Crewe, ha inserito tra le dotazioni del suv speciali ruote da 22 pollici in composito

· di Paolo Odinzov

La berlina di Crewe allarga la gamma con un sistema plug-in da 544 cavalli derivato da quello impiegato sui modelli Audi e Porsche del gruppo Volkswagen