Ultimo aggiornamento  25 settembre 2021 21:13

ACI e Mercedes, insieme per la sicurezza.

Redazione ·

L'Automobile Club d'Italia e Mercedes-Benz Italia hanno siglato una partnership biennale per l'utilizzo dei Centri di Guida Sicura ACI di Roma, a Vallelunga, e di Milano, a Lainate (per il futuro sono previsti 2 ulteriori poli, uno presso Binetto in provincia di Bari, atteso per il 2023, e un altro in Sicilia).

L'accordo garantirà una piattaforma polivalente per lo sviluppo di attività in diversi settori, a partire dall’impegno nel campo della sicurezza e della sostenibilità, valori che da sempre accomunano Mercedes-Benz e l’Automobile Club d’Italia.

Informazioni sui corsi

Durante i corsi di Guida Sicura ACI Sara sarà possibile eseguire diverse tipologie di esercizi a bordo di vetture Mercedes - elettriche, ibride o a motore endotermico - che ACI Vallelunga metterà a disposizione di tutti coloro che hanno un’abilitazione alla guida per auto, moto, scooter, minicar, fuoristrada, veicoli industriali, camper, furgoni, autobus e che utilizzano tali mezzi per lavoro o per diletto, con particolare attenzione ai neo-patentati.

I corsi, della durata di un giorno (8 ore), oltre a una parte teorica in aula, prevedono diverse esercitazioni pratiche di guida che permettono di svolgere il corso anche con il mezzo privato del cliente, sempre nel rispetto del Codice della Strada e all’insegna della massima sicurezza per gli utenti che vi partecipano. Nell’ambito delle iniziative promozionali, i Centri di Guida Sicura ACI-Sara riservano ai clienti privati di Mercedes che comprano una nuova vettura della "Stella" o Smart, la possibilità di acquistare i corsi di guida sicura auto riservati ai privati a un prezzo scontato del 30%.

"Cultura della sicurezza"

“I Centri Guida Sicura ACI sono un’eccellenza europea nella ricerca, nello sviluppo e nella formazione per un livello sempre più elevato di sicurezza stradale”, ha detto Angelo Sticchi Damiani, presidente dell’Automobile Club d’Italia. “La sicurezza sulle strade per tutti, a partire dai più vulnerabili quali i pedoni e i ciclisti, è il primo obiettivo di ACI. Siamo lieti che Mercedes-Benz, costruttore leader nelle tecnologie per la sicurezza, condivida con noi questa missione e certi che il loro apporto incrementerà ulteriormente le capacità dei Centri e la diffusione della cultura della sicurezza”.

“L’accordo con i Centri di Guida Sicura Aci è molto più che una semplice partnership”, ha dichiarato Radek Jelinek, presidente e ceo di Mercedes-Benz Italia. “È un segnale importante della necessità di fare sistema e creare valore per un settore fondamentale come quello dell’automotive nel nostro Paese. Allo stesso tempo, rappresenta per noi l’opportunità di poter contare sul supporto e sulla logistica di strutture di eccellenza, con due hub distribuiti in maniera strategica sul territorio. Tutto questo ci consentirà di mettere in campo numerose attività, con un partner affidabile e di grande valore al nostro fianco”.

L’ incremento tecnologico sui veicoli ha contribuito notevolmente alla sicurezza, mentre il fattore umano continua ad essere l’anello debole”, ha dichiarato Carlo Alessi, presidente di ACI Vallelunga. “Per incentivare la sicurezza si può dotare il veicolo di sistemi di sicurezza attiva, ma è altrettanto necessario che l’uomo sappia gestirli dotandosi delle abilità necessarie per reagire nel modo giusto di fronte agli imprevisti. Avere Mercedes al nostro fianco non è soltanto motivo di orgoglio e prestigio ma è di più, è avere accanto un partner d’eccellenza che da sempre ha creduto alla sicurezza facendo dialogare uomo e veicolo per ottimizzare le potenzialità di entrambi”.

Ti potrebbe interessare

· di Carlo Cimini

Abbiamo provato la nuova generazione della berlina tedesca. Disponibile solo elettrificata e con tanta tecnologia derivata dalla Classe S. Prezzi da 51mila euro

· di Luca Gaietta

L'ammiraglia sportiva a quattro porte di Stoccarda è stata aggiornata con inediti pacchetti di personalizzazione e meccanica più performante. Sul mercato a luglio

· di Redazione

È uno dei dati che emerge da “Autoritratto 2020”, la pubblicazione statistica dell’Automobile Club d'Italia: solo un “under 25” su 8 (12,2%) possiede un veicolo