Ultimo aggiornamento  29 settembre 2021 01:49

Ford, nuova joint venture per le batterie.

Luca Gaietta ·

Ford e l’azienda sudcoreana SK Innovation hanno firmato un memorandum d'intesa per una joint venture che si chiamerà BlueOvalSK e si occuperà della produzione di celle e componenti per le batterie dei veicoli elettrici, in un apposito sito negli Stati Uniti.

60 gigawattora all'anno

Entro il 2030 Ford prevede che la domanda annuale di energia per i suoi veicoli sarà fino a 140 gigawattora in Nord America e fino a 240 gigawattora a livello globale. BlueOvalSK produrrà a partire dalla metà del decennio accumulatori per circa 60 gigawattora all'anno, con un potenziale in espansione.

"Questo accordo è solo l'inizio di una parte fondamentale del nostro piano per integrare le capacità che differenzieranno Ford nel futuro", ha affermato Jim Farley, presidente e ceo della Casa automobilistica americana. Mentre secondo Kim Jun, ceo di SK Innovation, la joint venture con Ford “giocherà un ruolo fondamentale nello sviluppo della catena del valore dei veicoli elettrici negli Stati Uniti".

Le batterie dell'F-150 Lightning

SK Innovation, già fornitore di Ford, produrrà le prime batterie al mondo ad alto contenuto di nichel destinate ad alimentare la versione completamente elettrica "Lightning" appena presentata del pick up F-150. Le celle di nuova generazione prodotte da BlueOvalSK verranno sviluppate e industrializzate congiuntamente su larga scala dai due partner in modo da fornire prestazioni ottimali.

Questo consentirà di assecondare il piano globale di elettrificazione di Ford, intenzionata a impiegare sui suoi veicoli anche delle batterie allo stato solido, per le quali ha recentemente aumentato gli investimenti nella startup statunitense Solid Power, cui partecipa anche Bmw.

Tag

Batterie  · Ford  · joint venture  · Veicoli elettrici  · 

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Borgognone

Il marchio di Detroit costituisce con i partner coreani la società “BlueOvalSK” per dare vita a un “e-campus” in Tennessee e a una fabbrica di batterie in Kentucky

· di Angelo Berchicci

La Casa starebbe pensando di realizzare due gigafactory, una in Giappone e una in Gran Bretagna, per una capacità di circa 700mila accumulatori all'anno