Ultimo aggiornamento  18 settembre 2021 07:20

Kinto e Luiss, Master in mobilità sostenibile.

Redazione ·

Sostenere la transizione verso la mobilità sostenibile, creando nuove opportunità di approfondimento che aiutino a far nascere professionalità di alto livello nel settore. Si può riassumere così l’obiettivo del primo Master con specializzazione in Sustainable Mobility - parte dell'Executive Master in Circular Economy Management  - pensato da Kinto italia, società del gruppo Toyota, in partnership con la Luiss Business School, Scuola di alta formazione dell’Università Luiss Guido Carli.

Il corso – la cui prima edizione prenderà il via il prossimo 5 novembre – intende fornire ai partecipanti le conoscenze e gli strumenti operativi per ricoprire in chiave sostenibile le professioni emergenti e le nuove carriere nell’ambito della progettazione e della gestione della mobilità, e per il ruolo specifico di Mobility Manager.

La didattica – che si avvarrà della partecipazione attiva di professionalità affermate, non solo del mondo automotive, ma anche di altri settori industriali - si muoverà dall’evoluzione della mobilità, offrendo una panoramica completa su temi in forte evoluzione come nuove tecnologie, elettrificazione, piattaforme digitali, modelli di business, regolamentazione dei territori e relazioni con Istituzioni e amministrazioni locali.

La partnership tra le due realtà consentirà inoltre la creazione di un punto d’incontro tra domanda e offerta di lavoro.

Come funziona

Il Master, rivolto a manager e professionisti, è organizzato secondo la formula part-time e ha una durata complessiva di 12 mesi durante i quali si alterneranno incontri, seminari, laboratori e altre attività didattiche.

Al termine del percorso formativo è prevista la realizzazione di un project work con Kinto Italia e il rilascio di un diploma di Master di II livello riconosciuto dal Ministero dell’Università e della Ricerca. Prevista anche l’erogazione di 10 borse di studio aperte a studenti meritevoli, con copertura al 75%.

Grande trasformazione

“Investire in un percorso educativo di eccellenza con uno dei partner universitari più autorevoli del panorama italiano e internazionale rappresenta una grande sfida che come Kinto Italia siamo determinati ad affrontare, consapevoli della profonda e rapida trasformazione che il settore della mobilità sta affrontando e dell’apporto di conoscenza che possiamo dare”. Questo il commento di Mauro Caruccio, presidente e ceo di Kinto Italia e ceo di Toyota Financial Services Italia.

Per il direttore della Luiss Business School Paolo Boccardelli, “la responsabilità che ci siamo assunti nel nostro ruolo di generatori di conoscenza è quella di contribuire a formare una classe dirigente consapevole e responsabile. L’attenzione allo sviluppo sostenibile non è più una opzione da molto tempo: è una urgenza pressante e trasversale, che richiede una forte e costante sinergia fra il mondo universitario e l’impresa”.

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Odinzov

La nuova società fungerà da unico sportello per fornire servizi di mobilità, tra cui car sharing e car pooling, sfruttando per farlo la rete delle concessionarie sul territorio