Ultimo aggiornamento  27 ottobre 2021 21:48

Mercedes 500/540K, signora in rosso.

Angelo Berchicci ·

Assieme alla 300SL “Gullwing”, è tra le Mercedes d’epoca più prestigiose e apprezzate dai collezionisti. Stiamo parlando della 500/540K, elegante granturismo degli anni '30, mossa da un potente motore 8 cilindri in linea sovralimentato con turbocompressore. La Casa d’aste Bonhams ne offrirà un esemplare completamente restaurato all’evento Amelia Island del prossimo 20 maggio, che si terrà al Fernandina Beach Club in Florida. Le quotazioni della vettura sono da capogiro: tra i 4,5 e i 5 milioni di dollari (3,7 - 4,1 milioni di euro).

Meccanica all'avanguardia

La Mercedes 500K, prodotta dal 1934, e la sua evoluzione 540K del 1936, erano considerate l’apice della produzione automobilistica tedesca, e quindi tra le vetture più desiderabili della loro epoca. Ma la vettura in questione è persino più ricercata, in quanto si tratta di uno dei soli 29 esemplari prodotti in versione “Special Roadster”, il top della gamma 500/540K, con passo accorciato, abitacolo a due posti e corpo vettura scoperto realizzato a Sindelfingen dai carrozzieri specializzati di Mercedes-Benz.

Un vero e proprio oggetto del desiderio, che in tutte le sue versioni (oltre alla Special Roadster, erano disponibili carrozzerie coupé e cabrio, con varie lunghezze e abitacoli a 4 posti o 2+2) sfoggiava soluzioni tecniche all’avanguardia, come le sospensioni anteriori indipendenti a doppio braccio, e soprattutto la particolare sovralimentazione Roots.

Grazie alla raffinata messa a punto dei tecnici Mercedes, ad andature rilassate la vettura poteva contare sui 100 cavalli forniti dal 5 litri (che diventano 5,4 litri sulla 540K), mentre schiacciando l’acceleratore oltre un certo livello, entrava in funzione il turbocompressore e la potenza si innalzava a 160 cavalli. Un “trucco” utile nei sorpassi, visto anche il peso della vettura (fino a 2.700 chili), che ricorda la funzione over-boost di un moderno motore sovralimentato. Grazie al suo propulsore, inoltre, la Mercedes 500K era all’epoca una delle poche vetture in grado di raggiungere le 100 miglia orarie (160 chilometri orari).

Una storia unica alle spalle

La storia dell’esemplare all’asta è qualcosa che si avvicina molto ai sogni di ogni appassionato di auto storiche. La vettura venne scoperta per puro caso nel 1970, da due “cacciatori di reperti” svedesi. I due si trovavano alla ricerca di vetture d’epoca abbandonate in Europa centrale, quando scoprirono la Mercedes in un’ex officina nella periferia di Poznan, in Polonia. L’auto era stata completamente smontata per occupare meno spazio, ma le componenti erano ancora tutte presenti (meno il tappo della benzina) ed erano state conservate con cura.

Dopo aver acquistato l’auto da una famiglia del posto, i due riuscirono a ricostruire la storia della vettura, un esemplare personalizzato acquistato nel 1934 da Alfons Sack, un facoltoso avvocato di Berlino, noto per aver difeso nel 1933 i comunisti accusati dell’incendio del Reichstag. Nel 1936 l’auto venne riportata presso la Casa madre per essere aggiornata con il nuovo motore da 5,4 litri della 540K, ma poco prima della Seconda Guerra Mondiale venne coinvolta in un lieve sinistro a Poznan, dove Sack aveva una residenza.

La Mercedes venne quindi portata presso un meccanico locale, e qui rimase bloccata a causa dello scoppio delle ostilità. Nel corso del conflitto si persero le tracce di Sack, che non tornò mai più a reclamare la vettura, rimasta per decenni in un angolo dell’officina, miracolosamente scampata ai bombardamenti. 

Tag

Mercedes  · Mercedes 500K  · Mercedes 540K  · 

Ti potrebbe interessare

· di Angelo Berchicci

Il preparatore dà alla Mercedes-Amg GT R Roadster una carrozzeria speedster. 850 cavalli, una protezione in stile "Halo" di Formula 1, e soli 5 esemplari prodotti

· di Angelo Berchicci

Negli Usa è andato all'asta un esemplare pari al nuovo, con soli 6mila chilometri. E' una delle vetture più apprezzate dai collezionisti. Sotto il cofano un V8 da 2,6 litri

· di Valerio Antonini

Il modello storico del costruttore tedesco, destinato a diventare un simbolo delle vetture "a cielo aperto", veniva presentato nel 1971. Il valore oggi può toccare i 50mila euro