Ultimo aggiornamento  24 gennaio 2022 08:37

Radford, torna la Lotus Type 62.

Paolo Odinzov ·

La prima vettura della rinata Radford, storica carrozzeria britannica degli anni ’60, riportata in vita da un piccolo gruppo di appassionati di cui fanno parte l’ex campione del mondo di Formula 1 Jenson Button, il presentatore televisivo, specialista di motori e costruttore di auto Ant Anstead e il designer Mark Stubbs, si baserà su tecnologia Lotus e sarà ispirata alla sportiva da corsa Type 62 del costruttore di Hethel, nata nel 1969 come evoluzione della Type 47.

Anteriore a "cuneo"

Capo progetto della nuova Radford, soprattutto per quanto riguarda lo stile, sarà Stubbs, il quale ha lavorato con marchi di lusso Inglesi, tra cui Aston Martin, Bentley e Bugatti, ed ha previsto per il modello una linea estremamente dinamica, caratterizzata dall’anteriore a forma di cuneo, proprio come sulla Type 62.

Handling da F1

Button parteciperà attivamente alla realizzazione del modello, occupandosi della messa a punto finale: “Stiamo già lavorando allo sviluppo di questa vettura e l'esperienza di guida sarà diversa e molto speciale. Mi concentrerò per creare un'auto corsa coinvolgente, ma che mantenga nel comportamento stradale tutte le raffinatezze che ti aspetteresti da un Radford”, ha detto il pilota.

Telaio derivato da Exige ed Evora

Ad Anstead spetterà invece il ruolo di supportare e supervisionare la parte tecnica e la produzione della vettura, che dovrebbe impiegare un telaio in alluminio derivato da quello impiegato sulle Lotus Exige ed Evora, oltre a sfruttare soluzioni meccanico-ingegneristiche inedite, su cui la stessa Lotus sta lavorando da tempo anche in vista della realizzazione del suo prossimo e ultimo modello a combustione che si chiamerà Emira e debutterà il prossimo 6 luglio.

"Team eccellente"

“La collaborazione con Radford è estremamente eccitante per noi, è una partnership di engineering nel suo cuore ma senza i vincoli che vi sono quando si lavora con un grande gruppo aziendale. Ant, Jenson e Mark sono un team eccellente ", ha dichiarato l’ad di Lotus Matt Windle.

La Mini dei Beatles

Fondata da Harold Radford nel 1948 e sparita dalla scena nel 1975, la Radford si specializzò nella creazione di carrozzerie e interni su misura per Rolls-Royce e Bentley. Fece il suo debutto internazionale al Salone di Londra del 1951 con la Bentley Countryman.

Ma solo negli anni '60 diventò famosa con la sua particolare versione della Mini, la Radford Grande Luxe Mini de Ville, che presentava dotazioni riservate fino ad allora a modelli molto più costosi, come il tetto apribile a tutta lunghezza, e fu acquistata da tutti e quattro i membri dei Beatles.

Tag

Harold Radford  · Lotus  · Radford  · 

Ti potrebbe interessare

· di Angelo Berchicci

Il primo lavoro della rinata (grazie all'ex F1 Jenson Button) carrozzeria inglese è un tributo alla vettura da corsa Lotus del '69. Tanta potenza e peso sotto i 1000 chili

· di Paolo Odinzov

Presentata l'ultima supercar termica "pura" del marchio, dopo di lei solo vetture elettrificate. Motori fino a 400 cavalli, arriverà nel 2022. Listino da circa 72mila euro

· di Francesco Giannini

Il marchio britannico presenterà la nuova supercar il 6 luglio: dopo di lei solo elettrificate. In arrivo quattro nuove piattaforme e investimenti per tre miliardi di dollari