Ultimo aggiornamento  11 maggio 2021 03:07

Batterie allo stato solido, Bmw e Ford accelerano.

Luca Gaietta ·

Ford e Bmw stanno conducendo un round di finanziamento di serie B, da 130 milioni di dollari, nella startup americana di batterie allo stato solido Solid Power, nata nel 2012 come spin off dell'Università del Colorado Boulder. Lo scopo è consentire alla azienda di Denver di accelerare nello sviluppo di accumulatori più potenti e versatili che possano equipaggiare i futuri veicoli dei marchi, riducendone anche il costo.

Più densità di energia e sicurezza rispetto alle tradizionali batterie

Il round di investimento, che include la società di venture capital Volta Energy Technologies, permetterà a Solid Power di espandere le capacità di produzione interna e portare avanti la tecnologia delle batterie grazie a un dispositivo ad elevata capacità, sostituendo l'elettrolita liquido o in forma di gel con un materiale conduttivo solido. Così da ottenere dagli accumulatori il 50% in più di densità di energia rispetto alle tradizionali batterie agli ioni di litio, oltre a una maggiore sicurezza dovuta alla mancanza di componenti infiammabili.

Sia Ford che Bmw riceveranno da Solid Power celle da 100 Ampere su vasta scala per i test di qualificazione automobilistica e l'integrazione nei veicoli a partire dal 2022.

"Una tecnologia che permetterà di aumentare l'autonomia delle auto"

“Abbiamo già sviluppato con Solid Power una cella a stato solido da 20 Ampere che è assolutamente eccezionale, adesso facciamo un ulteriore passo fondamentale per lo sviluppo e produzione dei nostri veicoli elettrici”, ha detto Frank Weber, membro del cda di Bmw. Mentre per Ted Miller, responsabile processi di elettrificazione Ford, la tecnologia della azienda statunitense permetterà di "semplificare il design delle batterie e aumentare l'autonomia delle vetture, migliorando lo spazio interno e il volume del carico, con costi inferiori e un valore migliore per i clienti”.

Tag

BMW  · Ford  · Solid Power  · 

Ti potrebbe interessare

· di Redazione

La Commissione di Bruxelles approva gli aiuti per il progetto "European Battery Innovation", presentato da 12 Paesi tra cui l’Italia. Si spera di attrarre altri 9 miliardi di...

· di Edoardo Nastri

Tutti studiano i nuovi accumulatori, più compatti ed efficienti. Toyota lancerà un prototipo il prossimo anno, seguiranno Volkswagen (2025) e Nissan (2028)