Ultimo aggiornamento  11 maggio 2021 02:21

Riaprono i Musei dell'auto.

Redazione ·

Il ritorno alla zona gialla per gran parte delle regioni d’Italia - con la speranza che la situazione sanitaria continui a migliorare anche nelle altre – significa pure la riapertura di diverse attività e di alcuni luoghi di interesse storico-culturale come i musei. Anche quelli dell'auto sono pronti alla ripartenza

Torna il Mauto

Il primo maggio riaprono, per esempio, le porte del Mauto - Museo Nazionale dell’Automobile di Torino. Fino al 20 maggio, esposizione speciale della Lamborghini Countach LP 400 Periscopica del 1977, uno degli unici due esemplari della mitica vettura disegnata da Marcello Gandini realizzata in colore viola metallizzato e con interni bianchi, restaurata nel 2016 dai migliori artigiani del modenese e poi certificata dal Polo Storico Lamborghini. Occhio di riguardo anche per l'Abarth 1000 Record Pininfarina, vettura che, nel 1965, sull’anello alta velocità di Monza, conquistò 2 differenti record con partenza da fermo nella classe 750. Infine, dal 15 maggio al 6 giugno, mostra speciale di Misano, il nuovo concept progettato dallo Ied (l'istituto europeo di design) in collaborazione con Suzuki.

Sempre al Mauto, il 13 maggio alle 11 Automobili Estrema presenta Fulminea, la prima hypercar elettrica italiana da 1.5 milliwatt di potenza (2.040 cavalli) con batteria a celle allo stato solido e super-condensatori. 

Infine, dal 20 maggio al 12 settembre apre la mostra “La Forma del Futuro”, un percorso espositivo dedicato a 16 esemplari firmati Pininfarina, una selezione di prototipi e vetture esclusive che testimoniano il genio della Casa di design italiana con oltre 90 anni di storia.

Durante il weekend è necessaria sempre la prenotazione e acquisto del biglietto online e il Mauto raccomanda ai visitatori di rispettare scrupolosamente gli orari fissati per gli ingressi che sono consentiti dalle 10 alle 19 sabato, domenica o festivi e il lunedì dalle 10 alle 14. Il costo del biglietto intero è 12 euro, 10 per i ridotti e 5 per gli under 26. Prima dell’accesso ai locali sarà controllata la temperatura dei visitatori, con l’obbligo di indossare le mascherine. Le audioguide sono state convertite in app scaricabili gratuitamente, inquadrando un apposito QR code, e sono disponibili in italiano, inglese e francese.

“Future is our legacy”

Lunedì 3 maggio è il turno del Mudetec, il Museo di Automobili Lamborghini a Sant’Agata Bolognese. Dopo la chiusura a causa della pandemia, si riparte con la mostra “Future is our Legacy”, che coincide con due appuntamenti importanti: il ventennale del Mudetec e il 50esimo anniversario della Countach, un modello ideato dalla carrozzeria Bertone negli anni '70 e ormai divenuto leggenda. La visita permette di ammirare anche auto a tiratura limitata, come Reventón, Sesto Elemento, Veneno, Centenario e la prima Lamborghini con tecnologia ibrida, la Sián.

La prenotazione è obbligatoria - al seguente link - e va effettuata 24 ore prima per le visite previste il sabato, la domenica e nei festivi infrasettimanali. il museo è aperto tutti i giorni dalle ore 9:30 alle 18, con ultimo ingresso alle 17. In virtù delle attuali disposizioni governative di contenimento alla pandemia, le entrate sono contingentate a un massimo di 12 visitatori ogni mezz’ora e l’uso della mascherina è obbligatorio. 

Riapre anche il museo Taruffi – il pilota anni '50 a cui è intitolato anche l’Autodromo di Vallelunga - posto vicino a uno dei borghi più belli e conosciuti del Lazio, Civita di Bagnoregio e che presenta moltissime auto e moto storiche esposte su oltre mille metri quadri. 

Tag

Ti potrebbe interessare

· di Linda Capecci

Gli spazi espositivi di Stoccarda, chiusi per l'emergenza Covid, riaprono il 9 marzo: per chi non potrà spostarsi, la mostra è accessibile virtualmente, grazie a un drone