Ultimo aggiornamento  09 dicembre 2022 21:16

Volkswagen carbon neutral entro il 2050.

Valerio Antonini ·

Volkswagen ha illustrato - in un evento online - la sua "Way to Zero", ovvero la strategia che intende seguire per arrivare a un processo produttivo a zero emissioni di C02 entro il 2050. Fondamentale sarà continuare sulla strada dell'elettrificazione, un processo "da cui non si deve più tornare indietro" spiega Ralf Brandstätter, ceo della Casa di Wolfsburg, e per cui bisognerà passare alla "fase 2", quella basata sugli accumulatori a cella unica.

Decisive per il futuro saranno anche le tecnologie per il riciclo delle batterie usate e l'incremento delle fonti energetiche rinnovabili nella filiera produttiva. Nel complesso, sono circa 14 i miliardi di euro che il marchio investirà entro il 2025 per limitare il proprio impatto ambientale. La strada verso la sostenibilità prevede una riduzione delle emissioni di C02 per veicolo del 40% già entro il 2030 (rispetto ai valori del 2018), e di arrivare a tagliare almeno 17 tonnellate di anidride carbonica nel ciclo di vita medio di una vettura.  

Spazio ai suv 

Punto focale della strategia del costruttore tedesco saranno le auto elettrificate, con almeno una novità in arrivo ogni anno. Dopo il suv ID.4 - a cui verrà aggiunta in gamma questa estate la variante più sportiva GTX - il programma prevede l’arrivo, l'anno prossimo, di un'altra novità a ruote alte: il crossover coupé ID.5 (il più grande ID.6 X/Crozz sarà invece riservato al mercato cinese).

Sarà quindi la volta del ritorno dello storico minivan Bulli, nella sua versione completamente elettrica ID.Buzz. Nel 2025 è previsto l'arrivo di una wagon a batteria con carrozzeria shooting brake, caratterizzata da un powertrain da oltre 200 cavalli e un accumulatore da almeno 650 chilometri di autonomia.  

Inoltre, Volkswagen ha confermato che nel 2026 debutterà un modello entry level, che si posizionerà al di sotto della ID.3, dal prezzo che dovrebbe oscillare intorno ai 20/25mila euro. Quello stesso anno il costruttore abbandonerà completamente lo sviluppo di motori benzina e diesel.  

Raggiungere Tesla? Si può  

Nell’anno in corso, Volkswagen punta al target di 450mila elettrificate vendute, di cui 300mila a emissioni zero basate sulla piattaforma specifica Meb, e 150mila plug-in. Se l’obiettivo dovesse essere raggiunto, il costruttore tedesco avrebbe raddoppiato le vendite di auto a batteria rispetto al 2020. L’ambizione è raggiungere già dal 2022 i numeri commerciali di Tesla, punto di riferimento nel mercato delle elettriche. 

Secondo una proiezione del centro di consulenza Ubs Auto and Mobility Research, Volkswagen avrebbe tutte le carte in regala per riuscirci, soprattutto grazie alla sua piattaforma Meb. E la Casa di Wolfsburg ha già previsto nel 2026 il debutto di una nuova architettura dedicata alle elettriche, la Scalable System Platform, che dovrebbe essere persino più flessibile e modulare della Meb.

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Odinzov

Il primo suv a batteria di Wolfsburg rompe gli schemi con un design dinamico e pulito. Tanta tecnologia e un'autonomia fino a 520 chilometri. Prezzi da 43.150 euro

· di Edoardo Nastri

Debutta la versione più sportiva del suv a batteria tedesco. Doppio motore, 0-100 in 6,2 secondi, fino a 480 chilometri di autonomia. Prezzo da 50.415 euro

· di Edoardo Nastri

Per la berlina di sesta generazione restyling di metà carriera che interessa estetica, sistema infotainment e dispositivi di assistenza alla guida