Ultimo aggiornamento  02 dicembre 2021 17:06

Toyota compra l’auto robot di Lyft.

Redazione ·

Toyota – attraverso la controllata Woven Planet - acquisirà “Level 5”, l'unità dedicata alla tecnologia per la guida autonoma della californiana Lyft (società di ride hailing - servizio taxi con auto private), per 550 milioni di dollari. Si tratta della prima operazione della nuova divisione del costruttore giapponese e conferma l’intenzione di espandersi nel settore delle vetture senza conducente.

L’accordo prevede il passaggio alla nuova realtà dei circa 300 dipendenti, in massima parte ingegneri e tecnici, di Level 5 che si andranno ad aggiungere a quelli già impiegati da Woven Planet e dal Toyota Research Institute: in questo modo si crea una forza lavoro di circa 1.200 specializzati, suddivisi nelle sedi giapponesi, della Silicon Valley e di Londra. “La costruzione di prodotti che adottino tecnologie nuove richiede persone, e l’acquisizione riguarda proprio questo aspetto ", ha detto l'amministratore delegato di Woven Planet, James Kuffner. Il manager ha confermato anche, senza scendere però nei dettagli, come questo sia solo il primo passo verso la “realizzazione degli obiettivi” di Woven Planet, che è stata fondata a gennaio di quest’anno.

Con l’acquisizione di Level 5, i giapponesi si sono assicurati anche l’accesso al sistema di raccolta dati della flotta di Lyft, materiale che potranno utilizzare per accelerare sviluppo e commercializzazione della propria tecnologia di guida autonoma.

Boccata d’ossigeno

Per Lyft, una delle più grandi aziende al mondo nel settore dei servizi alla mobilità, l'accordo significa soprattutto potersi concentrare sul proprio business principale, colpito dalla pandemia globale, eliminando i rischi connessi alla ricerca in un settore ancora pieno di incertezze come quello dello sviluppo della guida autonoma. La stessa scelta è stata fatta dalla rivale Uber che alla fine del 2020 ha venduto la propria divisione driverless alla start up Aurora finanziata, tra gli altri, da Hyundai.

L’incasso derivante dalla vendita di Level 5 consentirà anche una boccata d’ossigeno per le casse della società: 200 dei 550 milioni di dollari previsti per la transazione verranno pagati immediatamente, gli altri 350 saranno invece spalmati nei successivi 5 anni. Con questi introiti, Lyft dovrebbe raggiungere l’attivo di bilancio nel terzo trimestre dell’anno e risparmiare, complessivamente, circa 100 milioni di dollari in dodici mesi, cifra che investe ora nella ricerca.

Passi avanti

Attualmente Toyota offre sulle proprie auto commercializzate in tutto il mondo, Europa compresa, l'automazione di livello 2 con tecnologia avanzata di assistenza alla guida. Fra gli altri progetti che vedono il costruttore globale impegnato nel settore driverless, il più importante è quello – ufficializzato a inizio 2021 – con Aurora, siglato insieme alla controllata e fornitrice di tecnologia Denso: obiettivo, sviluppare e testare congiuntamente sistemi di guida senza conducente, da applicare alle flotte destinate al servizio di taxi con auto private. La collaborazione fra le tre società vede, come primo passo, la sperimentazione del sistema autonomo “Aurora Driver” su delle Toyota Sienna.

Tag

Auto autonoma  · Gruppo Toyota  · Level 5  · Lyft  · Woven Planet  · 

Ti potrebbe interessare

· di Angelo Berchicci

Il gruppo chiude l'anno finanziario con 9 milioni di unità vendute (-4%), superando le stime. Cresce la Cina, segnali di ripresa a livello globale. Per il 2022 le previsioni...

· di Redazione

Il costruttore giapponese firma un’intesa con la start up americana per produrre veicoli a guida autonoma destinati al trasporto persone. Le prime Sienna driverless in strada a...

· di Paolo Borgognone

L’azienda californiana rinuncia al progetto delle vetture robot e vende l’intero settore driverless ad Aurora, start up finanziata, tra gli altri, da Amazon e Hyundai