Ultimo aggiornamento  12 aprile 2021 00:47

Nuova Citroën C5, quello che sappiamo.

Angelo Berchicci ·

Si avvicina il lancio della nuova Citroën C5 (la Casa ha annunciato un misterioso debutto per il 12 aprile), che dovrebbe adottare un’inedita carrozzeria da berlina-crossover rialzata, sul solco di quanto visto per la C4. Ecco ciò che sappiamo fino ad ora.

Design anticonvenzionale

La terza generazione di Citroën C5, sigla che identifica la berlina di medie dimensioni della Casa, avrà in comune con le precedenti solamente il nome. L’impostazione dell’auto sarà totalmente diversa, come confermano le foto spia, che mostrano una carrozzeria a ruote alte a metà tra una berlina e un crossover, con al posteriore una coda appena accennata (probabilmente riprenderà il tradizionale formato Citroën a due volumi e mezzo).

Sembrerebbe la stessa formula adottata dalla recente C4, che ha declinato in chiave rialzata il concetto della compatta di segmento C. Anche il design della C5 dovrebbe essere derivato da quello futuristico e anticonvenzionale della C4, ma rispetto a quest’ultima sarà più lunga (attorno ai 4,6 metri), e invece della piattaforma CMP dovrebbe adottare la EMP-2 (la stessa della C5 Aircross), che le permetterà di avere anche motorizzazioni ibride plug-in.

La gamma motori

Sul fronte tecnico non dovrebbero esserci novità. Improbabile quindi un ritorno delle sospensioni idropneumatiche autolivellanti, un tempo prerogativa delle berline Citroën, che la Casa ha dismesso sui modelli attuali, sostituendole con il sistema PHC (Progressive Hydraulic Cushions) con fine corsa idraulici.

La gamma motori vedrà confermati il tre cilindri a benzina 1.2 PureTech in versione da 130 cavalli, e probabilmente anche il quattro cilindri diesel 1.5 BlueHDi da 130 cavalli, visto che Citroën finora non ha deciso di dire addio a questa alimentazione. La trasmissione sarà affidata a un cambio manuale a 6 marce o all’automatico a otto rapporti EAT8.

Anche ibrida alla spina

La nuova generazione di Citroën C5 dovrebbe adottare anche l'ibrido plug-in, basato sul consolidato schema che sfrutta il 1.6 turbo a benzina accoppiato a un’unità elettrica integrata nella trasmissione. La trazione sarà solo anteriore e la potenza dovrebbe essere di 225 cavalli (si tratta dello stesso powertrain della C5 Aircross), ma potrebbe essere disponibile anche la versione entry-level da 180 cavalli che è stata introdotta con la recente Peugeot 308.

L’auto è attesa nelle concessionarie per il 2022, mentre alcune indiscrezioni parlano di un'ipotetica versione elettrica che potrebbe arrivare in un secondo momento. Al momento, tuttavia, non vi sono precedenti di vetture sviluppate sulla piattaforma EMP-2 dell’ex gruppo Psa con trazione 100% elettrica (a parte i commerciali). 

Tag

Citroën  · Citroen C4  · Citroen C5  · ibrida plug-in  · 

Ti potrebbe interessare

· di Angelo Berchicci

La nuova generazione della berlina di segmento C adotta il linguaggio stilistico della Casa. Più lunga, sicura e tecnologica, dispone di due alimentazioni ibride plug-in

· di Carlo Cimini

Abbiamo provato la nuova generazione del modello francese, disponibile anche in versione 100% a batteria con 350 chilometri di autonomia. Prezzi da 22.900 euro