Ultimo aggiornamento  20 ottobre 2021 18:06

Usa, nasce Voltswagen of America.

Paolo Borgognone ·

Volkswagen Group of America – la divisione d’oltreoceano del costruttore di Wolfsburg fondata nel 1955 - cambia nome e diventa Voltswagen. Non si tratta solo di una differenza formale ma, come si legge nel comunicato ufficiale del costruttore, di "una dichiarazione pubblica dell'investimento futuro dell'azienda nella mobilità elettrica”.

Il nuovo nome, che si rifà all’unità di misura del potenziale elettrico, e il logo rinnovato che lo accompagna “simboleggiano lo slancio in avanti ad alto voltaggio che Voltswagen ha messo in moto, perseguendo l'obiettivo di spostare tutte le persone da punto a punto con i veicoli a batteria”.

Il primo modello che Voltswagen presenta al pubblico americano è il suv ID.4. "L'idea di un'auto per le persone – ha detto Scott Keogh, presidente e ceo di Voltswagen of America - è il tessuto stesso del nostro essere. Abbiamo detto, fin dall'inizio della transizione verso un futuro elettrico, che costruiremo veicoli a batteria per milioni di persone, non solo per i milionari. Questo cambiamento di nome significa un tributo al passato e all'auto del popolo e insieme la ferma convinzione che abbiamo che il nostro futuro si incarni nell’essere l'auto elettrica del popolo".

Un marchio nuovo

L'azienda conserverà anche visivamente alcuni elementi del patrimonio Volkswagen, mantenendo il logo nel tradizionale colore blu scuro  per i veicoli ad alimentazione tradizionale e passando al “Light Blue” per differenziare la proposta in elettrico.

A partire da oggi, il nuovo marchio verrà diffuso su tutti i canali pubblicitari, il sito web e i social media dell'azienda.

"Voltswagen" sarà quindi posto come badge esterno su tutti i modelli elettrici e la differenza cromatica arriverà presto in ognuno dei concessionari sparsi negli Stati Uniti.

Tag

ID.4  · Stati Uniti  · Volkswagen  · Voltswagen  · wolfsburg  · 

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Borgognone

La divisione americana del marchio tedesco non cambia più nome e ritira il suo comunicato: "La ridenominazione è stata pensata per essere un pesce d'aprile"

· di Edoardo Nastri

Nel 2020 il fatturato è stato di 222,9 miliardi di euro (-11,8%) per un utile operativo a 10,8 miliardi. "Avanti con investimenti in elettrificazione e software", dice il ceo Diess