Ultimo aggiornamento  18 maggio 2021 01:32

Marche, 48 nuove colonnine aziendali.

Marina Fanara ·

Saranno 48 le nuove colonnine elettriche che verranno installate a breve nelle Marche grazie a 828mila euro di finanziamenti regionali destinati a micro, piccole e medie imprese per dotarsi di infrastrutture di ricarica accessibili al pubblico, compresi i benzinai.

Coinvolti benzinai e supermercati

Il bando, lanciato lo scorso autunno e concluso a fine dicembre 2020, ha appena selezionato 48 imprese rispondenti ai requisiti richiesti, si tratta in dettaglio di 8 aree di distribuzione di carburante tradizionale (settore distribuzione idrocarburi), 12 aziende del settore turismo e 28 attività del comparto commercio e artigianato. Quanto alla distribuzione geografica le nuove infrastrutture interesseranno le province di Pesaro Urbino (10 colonnine), Ancona (10), Macerata (17), Fermo (7) e Ascoli Piceno(4).

La Regione sottolinea che gli 828 mila euro di risorse destinate allo sviluppo della rete di ricarica fanno riferimento al Fondo alimentato con le royalties derivanti dall'estrazione di idrocarburi anni 2017 e 2018 assegnate alle Marche con uno specifico protocollo d'intesa siglato nel 2019 con i ministeri Sviluppo economico e Economia e Finanze. Si tratta, in particolare, del programma e-Mobility ReMa che stanzia un totale di 1,6 milioni di euro per la mobilità elettrica e la ciclabilità (per lo più piste di ciclabili).

Fondi dalle royalties del petrolio

Ricordiamo che le royalties sull'estrazione di idrocarburi sono il compenso riconosciuto allo Stato dalle società concessionarie (compagnie petrolifere e gas) per l'utilizzo dei giacimenti di idrocarburi presenti nel territorio nazionale, sia su terraferma che in mare, e che vengono largamente impiegati anche per la produzione dei carburanti.

Per Guido Castelli, assessore ai Trasporti delle Marche utilizzare tali fondi per incentivare la mobilità sostenibile "costituisce una prassi virtuosa, nel senso che vengono impiegate risorse da ciò che inquina a sostegno dell'energia pulita, in linea con un moderno profilo di indirizzo che intende ridurre gli impatti ambientali, sociali ed economici della viabilità urbana e pertanto rendere sempre più accessibili e diffuse le modalità di erogazione di ricarica elettrica”.

Ti potrebbe interessare