Ultimo aggiornamento  30 novembre 2021 08:15

Renault cede la sua quota in Daimler per fare cassa.

Redazione ·

Renault vende le sue quote del gruppo tedesco Daimler. Si tratta di circa 16,5 milioni di azioni - pari all’1,5 del totale - che i francesi avevano acquistato, attraverso un sistema di partecipazioni incrociate, nel 2010. La cessione arriva attraverso un processo di trasferimento azionario chiamato “accelerated bookbuilding” e frutta a Renault - ai prezzi correnti - circa 1,2 miliardi di euro.  Secondo quanto dichiarato dalla stessa Casa transalpina l’intera operazione dovrebbe concludersi definitivamente all’inizio della prossima settimana.

Azioni incrociate

Lo scambio azionario tra i due gruppi avvenne all’inizio dello scorso decennio, a suggello di una importante alleanza industriale, ancora in vigore, che riguardava soprattutto lo sviluppo di modelli di furgoni. Al momento attuale Nissan - alleata di Renault - detiene l’1,5% dei titoli di Daimler che, a sua volta, ha il 3,1% di Renault. Non è stato comunicato se l’operazione intrapresa dai francesi interesserà anche gli altri due soggetti interessati. 

L’operazione di vendita delle azioni di Daimler rientra in un progetto di recupero del "rosso" accumulato da Renault che - a fine 2020 - ammontava a 8 miliardi di euro, nonostante il piano di rilancio varato dal nuovo ceo, Luca de Meo, subentrato a luglio dell'anno passato. 

In una nota Renault ha comunque voluto sottolineare che “la partnership con il gruppo Daimler rimane intatta e non è intaccata dalla transizione finanziaria in corso”. 

Tag

Daimler  · Groupe Renault  · Nissan  · 

Ti potrebbe interessare

· di Angelo Berchicci

Vendite giù del 21,3% e margini dello -0,8% per il gruppo francese. Nel secondo semestre primi segnali di ripresa, sulla spinta del nuovo piano di rilancio del gruppo

· di Edoardo Nastri

In un'intervista ad Automotive News Europe il ceo del gruppo francese anticipa il cambio di modello e dà nuovi numeri sul piano "Renaulution" tra stabilimenti ed elettrificazione

· di Luca Gaietta

Secondo Reuters, i due costruttori potrebbero sfruttare la partnership stretta nel 2010 per realizzare insieme almeno un furgone adatto all'impiego urbano