Ultimo aggiornamento  20 ottobre 2021 18:51

Auto, i set cinematografici più distruttivi.

Anastasia Borra ·

Il cinema, si sa, cattura l’attenzione e la fantasia dello spettatore forse più di qualsiasi altro passatempo. Oltre a sognare di vivere le stesse avventure dei protagonisti delle pellicole più famose, magari al volante della mitica Batmobile o “ritornando al futuro” sulla DeLorean DMC-12 con Marty McFly, quando la velocità “aumenta” e l’adrenalina scorre un po’ tutti rimangono incollati allo schermo. Ma inseguimenti e corse hanno un prezzo: quante auto rimangono danneggiate - magari irreparabilmente - durante le riprese? 

Il record assoluto è di “Transformers 3”, diretto da Michael Bay nel 2011, che ha contato ben 532 auto danneggiate alla fine delle riprese. Piccola curiosità: quando per una distrazione dello stuntman fu completamente distrutta una Camaro gialla, il regista andò su tutte le furie: Bay, infatti, aveva messo gli occhi addosso alla supercar e contava di portarsela a casa una volta terminate le riprese. 

Pellicole da record

Un “classico” film pieno di auto distrutte è “Blues Brothers” di John Landis, del 1980. Per girare la celebre scena dell’inseguimento finale ai fratelli Jake ed Elwood per le strade di Chicago, furono acquistate all’asta ben 60 auto della polizia, destinate a essere seriamente danneggiate durante le riprese: non se ne salvò nemmeno una.  Curiosamente nel “sequel” - girato sempre da Landis e intitolato “Blues Brothers - il mito continua” nel 2000 - il regista scelse di sfasciare un’auto in più rispetto all’originale: 104 invece di 103. 

In "Die Hard – Un buon giorno per morire" sono andate distrutte 132 automobili, per un valore di 11 milioni di dollari. “Abbiamo perfino volontariamente mandato fuori strada una Lamborghini. E si trattava pure di un modello nuovo – spiegò divertito il regista John Moore – E’ stato un colpo al cuore, soprattutto per me che sono un amante delle quattro ruote”.

Infine, non si può non citare la saga di "Fast and Furious" che - nei suoi 8 film - colleziona il record complessivo di più di 1.800 auto demolite. A colpire è un dato ancora più sconvolgente: la compagnia assicurativa britannica Insure The Gap, che ha fatto l’inventario delle vetture finite in rottami o in fiamme, ha calcolato un controvalore superiore a 1 miliardo di dollari

Ora dal rottamatore

Ma che fine fanno le auto utilizzate e non più riparabili? Con il tempo le regole sullo smaltimento sono divenute sempre più rigide. Fino a pochi anni fa, le vetture con danni scarsi potevano essere rivendute ai collezionisti. Oggi ciò non è più possibile sia per motivi di rendicontazione che di sicurezza: ogni auto deve essere correttamente rottamata. Nessuna casa di produzione vuole correre il rischio di essere denunciata da qualche appassionato che, magari per simulare in proprio le scene viste al cinema, è andato incontro a incidenti.

Tag

Auto  · Blues Brothers  · Cinema  · Fast & Furious  · 

Ti potrebbe interessare

· di Linda Capecci

Dalla Lexus autonoma di "Minority Report" alle Spinner di "Blade Runner", dal taxi volante de "Il Quinto elemento", alla viabilità autonoma in "Atto di forza". Tra motori e...

· di Linda Capecci

Nel film di John Landis, la leggendaria Bluesmobile conquista il Guinness dei Primati per la scena con il maggior numero di incidenti d'auto

· di Valerio Antonini

E’ uscito nelle sale italiane l’ottavo capitolo della saga sulle gare clandestine di auto. Spettacolare la scena in un hangar, con 80 supercar da sogno