Ultimo aggiornamento  18 settembre 2021 06:20

F1: Mercedes W12, nata per vincere.

Paolo Borgognone ·

E’ stata presentata a Brackley in Gran Bretagna la W12, la nuova Mercedes che correrà il campionato del mondo di F1 2021. Il debutto è previsto il 28 marzo a Sakhir in Bahrain per il primo Gp della stagione, che ne conterà in tutto 23. Prima di quella data i team si ritroveranno sempre sulla stessa pista il 13 e 14 marzo per le uniche prove  pre stagionali.

Da ricordare le date dei due Grand Prix italiani dell'anno: appuntamento il 18 aprile a Imola e il 12 settembre a Monza.

Resta il look black

La W12 – presentata dal team principal Toto Wolff, dal capo ingegnere James Allison e ovviamente dai piloti Lewis Hamilton e Valtteri Bottas  - è sostanziamente simile a quella che ha trionfato l’anno passato in F1 conquistando con largo anticipo il mondiale costruttori. Confermata la livrea nera – a sostegno della campagna Black Lives Matter  - anche se qua e là spunta qualche zona di grigio, verde e rosso, in omaggio a sponsor e aziende impegnate nello sviluppo tecnologico della vettura.

Sotto il vestito la W12 dovrebbe avere “qualche cavallo in più”, come ha detto Allison. La vera novità non è stata svelata e si trova nella parte inferiore della scocca dove è stato fatto un lavoro di miglioramento aerodinamico tenuto – per ora – top secret. “Non vogliamo che i nostri avversari – ha detto ancora James Allison – vedano già da ora le nostre soluzioni. Lo faranno quando saremo in pista”.

Bene il “budget cap”

Nel suo intervento, il team principal Toto Wolff ha parlato in particolare del tetto alle spese che da quest’anno viene imposto alle squadre e lo ha definito “di estrema importanza”. La scelta di contenere le uscite economiche per il manager austriaco “diminuisce le differenze ed esalta l’efficienza dei mezzi”.

Piloti carichi

Entrambi i piloti si sono detti pronti alla nuova sfida. In particolare il neo baronetto Lewis Hamilton – sette volte campione del mondo - che ha parlato con orgoglio della nona stagione che sta per affrontare la volante della Mercedes, la 15esima in totale. Il pilota di Stevenage non ha smentito la propria fama di paladino delle giuste cause e ha ricordato che tra i suoi obiettivi per il 2021 – oltre naturalmente a mettere in bacheca l’ottavo titolo mondiale, risultato mai ottenuto da nessun pilota nella storia – ci sono anche quelli di lottare ancora più strenuamente per “eguaglianza e inclusione”.

Quanto al rinnovo di contratto, arrivato molto dopo la fine del campionato 2020 e per un solo anno, Hamilton ha spiegato: "Abbiamo raggiunto tanti obiettivi, non avrebbe avuto senso fare piani tanto a lungo termine. Se ne parlerà a stagione in corso".

Anche Bottas è pronto e ha detto di “non vedere l’ora che sia il momento di scendere in pista. L’obiettivo è fare sempre meglio”. Per il vice campione del mondo in carica migliorare significherebbe vincere il titolo: ma per questo bisogna chiedere strada a Sir Lewis.

Tag

F1  · Gp Monza  · Lewis Hamilton  · Mercedes W12  · Valtteri Bottas  · 

Ti potrebbe interessare

· di Redazione

Il marchio tedesco potrebbe essere interessato a rientrare nel Circus se verrà confermata l'adozione dei nuovi carburanti 100% sostenibili. Attualmente corre in Formula E

· di Redazione

Nel Mondiale 2021, il campione inglese sarà ancora a bordo della "freccia d'argento". L'annuncio è arrivato sull'account Twitter della scuderia di Toto Wolf

· di Redazione

Nel corso della serata FIA dedicata migliori piloti dell’anno, il club italiano ha salutato il campione del mondo inglese con un trofeo unico per i risultati ottenuti nel nostro...

· di Paolo Borgognone

Il pilota inglese sprona la Rossa a impegnarsi a sostegno della campagna Black Lives Matter. Leclerc e Vettel al suo fianco, nessuna parola dalla scuderia