Ultimo aggiornamento  15 giugno 2021 16:10

Rimac, Porsche potrebbe acquisirne il 50%.

Angelo Berchicci ·

Porsche potrebbe aumentare la propria quota azionaria in Rimac, azienda croata specializzata in supercar elettriche. A riferirlo in un’intervista alla testata tedesca Automobilwoche è lo stesso fondatore e dirigente della startup, Mate Rimac, il quale ha confermato i crescenti contatti con il gruppo Volkswagen.

Nuovo round di finanziamento

Secondo quanto riferito dal giovane imprenditore, Rimac ha in programma di partecipare a un nuovo fundraising entro la metà dell’anno. L’obiettivo è quello di raccogliere dai 130 ai 150 milioni di euro nel giro di due o tre mesi, per assicurare la produzione della sua ultima hypercar a batteria, la C_Two, le cui consegne dovrebbero iniziare entro la fine del 2021, e per proseguire lo sviluppo di nuova componentistica.

Porsche, che già detiene il 15,5% di Rimac, dovrebbe avere un ruolo fondamentale in questo round di finanziamento, e portare la sua quota azionaria poco sotto il 50%. La Casa tedesca diventerebbe quindi l’azionista di riferimento della startup croata, una mossa che potrebbe aprire la strada a un’ulteriore collaborazione tra il gruppo Volkswagen e Rimac, con particolare riferimento al marchio Bugatti.

I possibili sviluppi

La settimana scorsa in un’intervista alla medesima testata, Oliver Blume, ceo di Porsche, aveva definito “tecnologicamente simili” i brand Rimac e Bugatti, alimentando così la speranza di un accordo tra i due costruttori, di cui si è cominciato a parlare nel settembre del 2020. L’imprenditore tedesco ha aggiunto che “ci sono vari scenari con sviluppi differenti” e che la questione riguardante il futuro di Bugatti sarebbe stata decisa “entro la prima metà del 2021”.

Rimac Automobili, fondata nel 2009, ha già dato vita alla sua prima hypercar, la Concept One del 2013. Oltre alla sua nuova vettura, la C_Two da 1.914 cavalli, l’azienda sviluppa e realizza componentistica per vetture elettriche ad alte prestazioni, che fornisce a costruttori terzi. Ad esempio, è questo il caso della futura Pininfarina Battista, che sfrutta pianale, batterie e motori creati da Rimac. 

Tag

Bugatti  · Gruppo Volkswagen  · Porsche  · Rimac  · 

Ti potrebbe interessare

· di Redazione

Per il ceo di Porsche Blume, il costruttore di hypercar elettriche e Rimac “vanno tecnologicamente d’accordo”. Un’intesa potrebbe arrivare entro il primo semestre