Ultimo aggiornamento  12 aprile 2021 00:34

Striscia la notizia: le “buone pratiche” ACI.

Redazione ·

“Prima di scegliere la vostra agenzia per le pratiche auto documentatevi, chiedete in giro. O ancora meglio, chiedete informazioni all'ACI". Parole di Enzo Iacchetti. Il conduttore televisivo ha commentato così un servizio mandato in onda dal popolare programma televisivo "Striscia la notizia” su Canale 5. 

Lo show di Antonio Ricci è  tornato - con un servizio dell'inviato Riccardo Trombetta - a parlare di “furbetti” delle pratiche auto, indirizzato dalle segnalazioni di alcuni utenti verso una agenzia privata di servizi che avrebbe avuto - nel corso del tempo - difficoltà a svolgere i propri compiti, con comportamenti non sempre corretti nei confronti dell’utente. Invece di portare a termine i passaggi necessari, l’ufficio avrebbe lasciato alcune pratiche in sospeso, senza completare la procedura di registrazione dell’avvenuto cambio di proprietario al Pubblico Registro Automobilistico, per la chiusura delle quali mancherebbero dei documenti. 

Il risultato di tale comportamento è stato che le multe sono continuate ad arrivare ai precedenti intestatari. Inutile sottolineare come le conseguenze - se per esempio si verificasse un incidente a uno di questi mezzi - ricadrebbero proprio sugli ignari ex-proprietari. Il problema, si apprende dal servizio televisivo, continua a ripetersi, nonostante le autorità di Pubblica Sicurezza, informate dai cittadini coinvolti, siano già più volte prontamente intervenute. 

Il consiglio - proprio come sottolineato da Iacchetti - è sempre quello di rivolgersi all’Automobile Club d'Italia e alle sue agenzie autorizzate che garantiscono un servizio puntuale e soprattutto che il processo burocratico arrivi alla sua conclusione, sollevando così chi vende da ogni successiva possibile complicazione, come successo invece, ai cittadini che hanno segnalato i disservizi a Striscia la notizia”. 

Ti potrebbe interessare

· di Redazione

Servizio pubblico in primo piano: sono state evase 32mila richieste via mail durante la fase di lockdown “tutelando la salute di dipendenti e utenti”