Ultimo aggiornamento  11 aprile 2021 23:23

Gordon Murray, una hypercar per Niki Lauda.

Luca Gaietta ·

La scuderia inglese di proprietà del progettista Gordon Murray, famoso per i suoi trascorsi in Formula 1 e autore nella sua lunga carriera di vetture super sportive che hanno fatto la storia (fra queste la McLaren F1 del 1995), ha svelato la sua nuova supercar T.50s dedicata al tre volte Campione del Mondo Niki Lauda.

Ispirata alla Brabham-Alfa Romeo BT46B

La vettura, cui sono stati tolti i veli il 22 febbraio, giorno del 72° compleanno del pilota austriaco scomparso nel 2019, rappresenta una versione estrema per il solo utilizzo in pista della già conosciuta T.50 stradale. Ed è ispirata nelle forme della carrozzeria alla Brabham-Alfa Romeo BT46B, progettata dallo stesso Murray, che Lauda portò sul gradino più alto del podio sul circuito svedese di Anderstorp nel 1978.

Un track-day per personalizzarla

Verrà prodotta in sole 25 unità, vendute a partire dal 2023 con un listino base di 3,1 milioni di sterline tasse escluse (3,6 milioni di euro). Ognuna delle quali identificata con uno specifico badge riferito a una delle vittorie in F1 conquistate dalle monoposto di Brabham e McLaren dell’ingegnere sudafricano, consegnata durante un track-day per consentire di personalizzarne posto guida, telaio e aerodinamica in base alle esigenze del proprietario.

"Un grande pilota e un buon amico"

“La T.50s è ispirata dal mio amore per il motorsport, quindi mi è sembrato logico creare questa connessione speciale alle gare storiche del passato Ogni auto avrà una sua storia, essendo legata alla vittoria di un GP”, spiega Murray, sottolineando anche l’affetto le competenze di Lauda: “Niki era un grande pilota ed anche un buon amico, avrebbe apprezzato l'innovazione e i dettagli ingegneristici della nostra macchina”.

Pesa piuma e tanta potenza

L’esclusiva hypercar, realizzata con materiali ultraleggeri per fermare l’ago della bilancia a soli 852 chili, utilizza un V12 aspirato Cosworth da 3.9 liti capace di fornire 725 cavalli e 485 newtonmetri di coppia e che le permette un rapporto peso/ potenza eccezionale.

A differenza della versione stradale dotata di cambio manuale, prevede una trasmissione sequenziale Xtrac a 6 marce con paddle al volante e un’elettronica dedicata con diversi set-up fino a quello più estremo che permette di raggiungere i 336 chilometri orari di velocità massima.

Incollata alla strada

Per gestire le sue prestazioni la T.50s Niki Lauda ha un’aerodinamica da Formula 1 che sfrutta tra le diverse soluzioni, tra cui una ventola nella coda e una grande ala dotata di flap regolabili, per “schiacciarla” a terra con una downforce fino a 1.500 chili. Le sospensioni regolabili consentono di personalizzarne l’assetto in base al tipo di guida, mentre l'impianto frenante carboceramico della Brembo impiega pinze a sei e quattro pistoncini e i pneumatici slick (25/64 anteriore e 30/68 posteriore) sono montati su cerchi forgiati di magnesio da 18 pollici.

Anche a due posti

L’abitacolo della T.50s Niki Lauda è ridotto all’essenziale, oltre al sedile centrale in carbonio riservato al pilota è previsto però in opzione uno strapuntino con cinture a 4 punti per ospitare un passeggero sul lato sinistro. La plancia offre un volante multifunzione rettangolare dietro al quale si trova un display singolo della strumentazione.

Tag

Ti potrebbe interessare

· di Edoardo Nastri

L'hypercar promette grandi prestazioni grazie al V12 3,9 litri da 663 cavalli per 986 chilogrammi di peso. C'è anche un ventilatore aerodinamico. Prezzo: 2,3 milioni di sterline