Ultimo aggiornamento  22 settembre 2021 05:30

Mercato Europa, il 2021 apre in negativo.

Angelo Berchicci ·

Il 2021 non si è aperto nel migliore dei modi per il mercato automobilistico europeo. Stando ai numeri dell’Acea, l’associazione dei costruttori, a gennaio le immatricolazioni nel Vecchio continente sono state 842.835 (dati Eu+Efta+Uk), ovvero 292.063 in meno rispetto allo stesso mese dell’anno scorso, per un calo del 25,7%. Una performance negativa (si tratta del valore più basso mai registratosi a gennaio) causata dalla perdurante epidemia di coronavirus, con le conseguenti misure di lockdown, ma anche dalla presenza in molti mercati di un giorno lavorativo in meno rispetto al 2020.

I paesi

A gennaio praticamente tutti i paesi del continente europeo hanno riportato un saldo negativo, a eccezione di Svezia (+ 22,5%) e Norvegia (+7,7%), dove la crescita è stata trainata dalle immatricolazioni di auto elettriche. Dei quattro principali mercati Ue, il peggiore è la Spagna con -51,5%, seguita da Germania (-31,1%), Italia (-14%) e Francia (-5,8%). La Gran Bretagna, ormai fuori dall’Unione Europea, fa registrare un -39,5%.

I gruppi

Nel primo mese dell’anno tutti i principali gruppi fanno segnare perdite a doppia cifra. In testa alla classifica, con la quota di mercato maggiore (ma anche la percentuale di perdita più ampia, -28,1%) continuiamo a trovare Volkswagen, seguito dal nuovo gruppo Stellantis, che fa il suo debutto in Europa con un -27,4%. Terza piazza per Renault, a -22,9%, quindi Bmw (-16,8%), Hyundai (-21,6%), Toyota (-20,2%) e Daimler (-17,9%).

I marchi

In continuità con l’andamento dello scorso anno, a soffrire sono soprattutto i brand giapponesi minori, Mitsubishi (-63,5%), Honda (-55,9%) e Mazda (-38,8%), e i marchi premium non tedeschi: Jaguar (-52,5%), Alfa Romeo (-46,7%), DS (-44,9%), Lexus (-34,6%) e Land Rover (-33%). Fa eccezione invece Volvo, uno dei pochi brand a crescere (del 3,6%).

Tutti gli altri marchi si attestano intorno a una perdita media del 25%, con alcuni picchi negativi per Volkswagen (-31,6%), Opel (-33,5%) e Hyundai (-31,8%). Si segnala infine la buona performance di Porsche (+0,9%), mentre Alpine e Smart vanno incontro a crescite importanti (+18.46% e +191.3%), dovute molto probabilmente all’aver rimandato le immatricolazioni durante gli ultimi mesi del 2020, dal momento che non si segnalano novità nelle rispettive gamme.

Tag

Automotive  · Europa  · Mercato  · Mercato Europa 2021  · 

Ti potrebbe interessare

· di Angelo Berchicci

Nell'ultimo mese le immatricolazioni sono diminuite di 216mila unità. Dall'inizio dell'anno la flessione raggiunge il 23,1%. Male Fiat e Renault, contiene le perdite Jeep

· di Edoardo Nastri

La pandemia ha influito negativamente sulle immatricolazioni a livello globale: -13% a fronte di 78,3 milioni di unità. Sul podio Cina (-2%), Usa (-15%) e Giappone (-11%)

· di Angelo Berchicci

Lo scorso mese in Italia sono state immatricolate 142.998 auto rispetto alle 163.124 di un anno prima. Tiene il settore privati. Le ibride sono più dei diesel, al pari con i...

· di Angelo Berchicci

Il coronavirus ha provocato la contrazione più forte mai registrata: 3,8 milioni di immatricolazioni in meno rispetto al 2019. Ha chiuso in rosso anche l'ultimo mese dell'anno